Home Notizie Cronaca Roma

Tor Marancia: al vaglio 86 proposte progettuali per il Centro Culturale

Prosegue l’iter per scegliere il progetto dell’hub culturale per la cittadinanza e per il polo formativo del Teatro dell’Opera

TOR MARANCIA – Prosegue l’iter per la realizzazione del Centro Culturale polivalente in via di Tor Marancia, al posto dello scheletro della ex scuola elementare Raimondi. Nella giornata di ieri è terminata ieri la prima fase del concorso di progettazione lanciato lo scorso gennaio, che servirà a scegliere il progetto migliore per questa struttura. Questo intervento fa parte del processo partecipativo online del 2018 per l’impiego delle risorse derivanti dalle edificazioni di piazza dei Navigatori. La proposta avanzata dai cittadini prevedeva la realizzazione di un centro culturale popolare, al quale, successivamente, si è aggiunta la partecipazione del Teatro dell’Opera.

LE PROPOSTE PROGETTUALI

Ad oggi sono 86 le proposte pervenute per il nuovo Centro Culturale popolare polivalente nel quartiere di Tor Marancia. Nei prossimi giorni la Commissione giudicatrice avrà il compito di selezionare le migliori 5 proposte che accederanno alla seconda fase per l’elaborazione progettuale definitiva ed esecutiva del nuovo edificio entro fine maggio.

Ads

IL CENTRO CULTURALE E IL TEATRO DELL’OPERA

Il nuovo edificio ospiterà il polo formativo del Teatro dell’Opera di Roma, una scuola di eccellenza nel panorama italiano per la crescita e la formazione di giovani ballerini, cantanti e musicisti. Il Centro Culturale popolare polivalente avrà al suo interno un Community Hub, uno spazio pensato per laboratori e attività formative, sale prove per la musica, luoghi per il co-working e sportelli di ascolto per tematiche sociali. L’edificio sarà dotato anche di un nucleo centrale dedicato all’arte, con spazi espositivi, e di un’aula magna per concerti e spettacoli.

MC

Previous articleVaccini Lazio: annullati anche gli appuntamenti di domani, mercoledì 17 marzo
Next articleMonte Carnevale: dopo gli arresti il Comitato Valle Galeria Libera chiede le dimissioni di Zingaretti