Home Municipi Municipio XI

Ciclabile Ponte di Ferro: partono i lavori, presto la riapertura

A quasi sei mesi dall’incendio, è partita la rimozione del cavidotto laterale. Dopo la messa in sicurezza della zona circostante, potrà riaprire anche la pista ciclabile

PONTE DI FERRO – Era la notte del 2 Ottobre 2021 quando le fiamme si sono alzate dalle sponde del Tevere andando a bruciare una parte importante del Ponte di Ferro. Circa 70 giorni dopo c’è stata la riapertura al traffico. Dal 12 Dicembre 2021 però la situazione è rimasta in uno stato di stallo. È ancora chiuso infatti il tratto ciclabile che costeggia il Tevere passando proprio sotto al ponte. Chiusura che costringe ciclisti, corridori o semplici cittadini fruitori della pista, a rimettersi nel caotico traffico cittadino. Per completare la riqualificazione di tutta l’area interessata manca solo la riapertura della pista ciclabile, chiusa da quella fatidica notte.

Ads

QUANDO LA RIAPERTURA?

“Inizio lavori: 24/3/2022, durata contrattuale di ultimazione servizio 15 giorni”, così qualunque cittadino può leggere sul cartello del Dipartimento Tutela Ambiente esposto all’inizio del cantiere. I ritardi sulla consegna della ciclabile sembrano chiarificarsi con questo cartello. “Sono iniziati i primi lavori per riaprire il percorso ciclabile con la rimozione del cavidotto laterale del ponte crollato e pericolante”, conferma al nostro giornale il Presidente del Municipio XI del Partito democratico Gianluca Lanzi. Una prima fase dei lavori è quindi iniziata. Dopo la rimozione del traliccio ancora penzolante ci sarà la bonifica, la messa in sicurezza e la pulizia di tutta l’area, verrà poi ristabilita la segnaletica stradale e finalmente non solo gli sportivi potranno usufruire della pista ciclabile, arteria molto importante anche per il deflusso del traffico cittadino. La consegna dovrebbe essere quindi all’incirca verso metà aprile. (Speriamo).

Giancarlo Pini

Previous articleCovid-19: nel Lazio sono 11.430 i nuovi positivi
Next articleFarmer’s Market Corviale: La struttura chiusa dal 2015 è ancora avvolta dal degrado