Home Municipi Municipio XI

Dopo tanta attesa riapre il chiosco di Villa Bonelli

Tratto da Urlo n.194 ottobre 2021

MUNICIPIO XI – Un’ottima notizia per gli abitanti del quartiere: finalmente il 17 settembre 2021, dopo anni di abusi, vandalizzazioni e conseguente degrado, si sono riappropriati di un fondamentale presidio di socialità e svago. “La riapertura del chiosco di Villa Bonelli è davvero una bellissima notizia, che accogliamo con grande favore”, afferma Gianluca Lanzi candidato presidente del centro–sinistra in Municipio XI: “finalmente, dopo anni di attesa, il parco torna ad avere un presidio fondamentale. Il nostro impegno è rendere questo luogo ricco di attività culturali e ricreative che possano attrarre grandi e piccoli”, conclude Lanzi. Villa Bonelli infatti ha riaperto i battenti, in concomitanza con la riapertura del chiosco al suo interno. “Siamo davvero soddisfatti della bella partecipazione che ha accompagnato l’apertura di ‘Barrio Bonelli’. L’abbiamo preparata con cura e impegno, con l’obiettivo di restituire alle persone non solo un chiosco–bar all’interno della villa, ma anche un luogo di ritrovo, socialità e cultura”, conferma Valentina Brattelli, una delle socie che gestiscono il chiosco.

Ads

I COMMENTI

La perdita di uno spazio verde così importante, per questo quadrante della città povero di parchi, aveva portato con sé molte polemiche, sia da parte dei cittadini che delle opposizioni, i quali negli anni hanno sempre chiesto di velocizzare le procedure per la riapertura. “È una storia che abbiamo seguito quando ero Presidente – dichiara Mario Torelli, ex Delegato della Sindaca in Municipio XI – si è conclusa adesso perché sono state lunghe le pratiche burocratiche”. Ricordiamo, infatti, che la concomitanza con il cambiamento epocale che la pandemia ha creato non ha sicuramente aiutato nella velocizzazione del percorso burocratico: “Finalmente abbiamo consegnato il chiosco con un regolare bando, vinto ovviamente dai gestori attuali, che hanno svolto dal canto loro un ottimo lavoro”, conclude Torelli. Ma la tempistica della riapertura del chiosco lascia però qualche dubbio a Daniele Catalano, candidato presidente per il centro–destra in Municipio XI, ed Enrico Nacca, candidato consigliere dello stesso Municipio per la Lega: “Un’ottima notizia – dichiarano – certo si è atteso davvero troppo e la prossimità delle elezioni è una coincidenza per così dire anomala. Ad ogni modo è un risultato importante per la zona vista la mancanza di spazi adeguati ai bambini, agli anziani e agli sportivi. Dovremo aiutare il gestore nelle attività che vorrà mettere in campo per sviluppare e manutenere l’area”.

IL FESTIVAL

Lo stesso giorno di apertura della villa, e quindi anche dell’inaugurazione del nuovo chiosco ‘Barrio Bonelli’, è iniziata una nuova vita per il parco. Speriamo tutto ciò continui negli anni, trasformandolo in quel presidio di socialità, di svago e di scambio culturale che tanto è mancato a tutta la zona in questo periodo di chiusura. “Perciò abbiamo deciso di iniziare questa esperienza regalando al territorio una festa lunga, un mese con attività sociali e culturali per tutte le età”, dichiara Valentina Brattelli: “Il Disambigua Fest è il primo festival comunitario di Villa Bonelli, organizzato dall’Associazione Disambigua insieme a tantissime altre associazioni e abitanti del quartiere. Il festival animerà la villa con laboratori, musica, sport, cinema ed arte tutti i giorni della settimana dal 17 settembre al 17 ottobre”, conclude Valentina.

PER NON DIMENTICARE

“Auspichiamo in un destino simile per il chiosco-bar in prossimità della stazione del treno di villa Bonelli, che da anni è un luogo di degrado e abbandono”, seguitano Catalano e Nacca. Proprio sotto la villa c’è un altro chiosco, infatti, che si trova nel passaggio pedonale che collega il piazzale del capolinea Atac di via Guido Miglioli ad un parcheggio. La struttura al momento si trova in un limbo burocratico che ne impedisce la riqualificazione, così come riportato in più occasioni anche dal nostro giornale.

Giancarlo Pini

Previous articlePartiti i lavori in via Ramazzini e via Virginia Agnelli a Monteverde
Next articleIl codice dell’anima