Home Municipi Municipio XI

Marconi: per il mercato Macaluso ci siamo quasi

Dopo i ritardi, dovuti prima al Covid e poi all’aumento dei prezzi, la consegna definitiva del mercato sembra fissata a settembre

Tratto da Urlo n.203 luglio 2022

MARCONI –Il lavoro portato avanti sul mercato a Marconi ha, purtroppo, subito dei rallentamenti a causa di fattori esterni. Siamo convinti che a settembre potremo inaugurare un mercato che rappresenterà, sia dal punto di vista architettonico che funzionale, un’eccellenza del nostro territorio e che le aspettative degli operatori e dei cittadini non saranno disattese”, così in una nota l’Assessore del Patrimonio e Manutenzione degli immobili comunali e dei mercati in Municipio XI, Alberto Belloni.

Ads

I RITARDI

La consegna del mercato doveva avvenire nel gennaio 2022, precisamente un anno dopo l’inizio dei lavori, poi, dopo una proroga della Direzione Tecnica del Municipio, lo scorso marzo. Fattori esterni, come ha spiegato Alberto Belloni, “non riconducibili né all’Amministrazione, né all’impresa”, come l’aumento dei prezzi degli approvvigionamenti dovuti alla guerra in Ucraina e il rispetto delle norme di contenimento del Covid, hanno ulteriormente rallentato il lavoro degli operai. Per Valerio Garipoli, capogruppo Fdi in Municipio XI, le azioni e la gestione amministrativa risultano però insufficienti: “In ritardo di mesi sui tempi di consegna, proseguono a rilento i lavori e gli interventi sulla struttura. Soltanto l’11 maggio scorso è stato disposto l’impegno fondi e affidamento per allacciamenti ai pubblici servizi per l’appalto dei lavori di riqualificazione ed adeguamento igenico-sanitario dell’area mercato. Ai residenti e cittadini non servono altre false promesse fatte in passato, come l’irreale consegna anticipata della struttura. Chiediamo serietà e maggiore attenzione all’Assessore Belloni”.

LO STATO DEI LAVORI

È proprio l’Assessore Belloni a spiegarci a che punto sono i lavori, sperando che non ci siano ulteriori ritardi: “I lavori del mercato sono stati ultimati a fine maggio dall’impresa appaltatrice, la nostra Direzione Tecnica ha ultimato anche i camminamenti esterni e attualmente sta lavorando alla sistemazione del parcheggio e al definitivo accatastamento. In questi giorni saranno definitivamente ultimati i lavori sulle aree esterne, la recinzione, la segnaletica orizzontale e verticale e si concluderanno le attività di collaudo per l’acquisizione al patrimonio e la conseguente consegna al Municipio”. Alberto Belloni ci spiega anche come contemporaneamente sono in corso le attività di competenza Acea Ato 2 e Areti per gli allacci delle utenze elettriche, idriche e fognarie. Insomma, sembra che per la consegna definitiva del mercato Macaluso ci siamo quasi. Ce lo confermano anche Daniele Catalano ed Enrico Nacca, consiglieri Lega in Municipio XI: “Siamo in costante aggiornamento con gli operatori, i quali da anni aspettano questa opera fondamentale per il rilancio commerciale. Al momento sembrerebbe che i lavori siano a buon punto, anche se permangono dei dubbi sulla copertura tra un box e l’altro ed alcuni allacci all’interno dei banchi, ma sappiamo che c’è totale sintonia con l’Ufficio Tecnico del Municipio”. L’Assessore Belloni però conferma al nostro giornale che le coperture sono conformi al progetto esecutivo. “Tuttavia non possiamo che esprimere soddisfazione per aver contribuito in questi anni a tenere alta l’attenzione su questa opera così importante”, concludono Catalano e Nacca.

I BANDI MUNICIPALI

Un passaggio molto importante e fondamentale per gli operatori, come abbiamo sempre sottolineato su questo giornale, sarà l’assegnazione dei box vacanti. “Insieme al Vice Presidente Ursino e al SUAP stiamo ultimando i lavori per la predisposizione dei bandi commerciali e non commerciali per l’assegnazione dei box vacanti in tutti i mercati del Municipio, che verranno pubblicati entro l’estate”, garantisce Belloni. Una rassicurazione molto attesa.

Giancarlo Pini

Previous articleIl Comune annuncia lavori su oltre 600 km di strade in due anni
Next articleVilla Pamphilj: verso la riapertura dei bagni pubblici