Home Municipi Municipio XI

Municipio XV: uffici anagrafici rischiano collasso

Augusto Santori (PDL): ?Si attendono assunzioni, subito riorganizzazione del personale?.

Ads

“?Diversi uffici anagrafici della Capitale rischiano il collasso, al personale è richiesto oramai da troppo tempo un enorme sforzo che soprattutto nel periodo estivo rischia di creare agitazioni e soprattutto disfunzioni nei servizi al cittadino. Caso emblematico è rappresentato in queste ore dal Municipio XV ove la proliferazione degli uffici anagrafici se da una parte ha favorito l?’erogazione del servizio a diversi quartieri dall?’altra ha portato indiscutibilmente a un aggravamento delle condizioni di stress e dei carichi di lavoro del personale di front office ivi impegnato?” così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV e Vice Presidente della Commissione Trasparenza.

“?L?’introduzione delle carte d?identità anche per i bambini e ragazzi con età inferiore ai quindici anni voluta da un apposito provvedimento governativo ?insiste Santori ? ha ulteriormente aggravato la mole di lavoro che viene quotidianamente affrontata dai dipendenti del servizio anagrafico. Siamo fiduciosi nel lavoro e nella sensibilità dimostrata dall?’Assessore Cavallari e soprattutto dalla volontà del Sindaco di provvedere nei prossimi mesi a nuove assunzioni. La speranza è che buona parte di queste risorse venga messa a disposizione degli uffici anagrafici che abbisognano necessariamente di un potenziamento. Fin da subito però sarà necessario sollecitare tutti dirigenti comunali a provvedere ad una riorganizzazione del personale per arrivare a situazioni che rischiano di assumere i connotati emergenziali e di creare dannose frizioni, anzitutto a discapito della cittadinanza, tra personale e Amministrazione. Il lavoro svolto dagli uffici anagrafici costituisce infatti il primo biglietto da visita per mezzo del quale l?’Amministrazione si presenta ai cittadini romani”?.

 

Previous articleGli affreschi del Salento
Next articleTragedia nel campo nomadi di Tor de’ Cenci