Home Municipi Municipio XI

Parco Tevere Magliana: al via le opere di ampliamento

Dal primo gennaio 2023 il Municipio XI gestisce direttamente le aree demaniali fluviali del Parco Tevere Magliana

Tratto da Urlo n.208 gennaio 2023

MAGLIANA – Ci eravamo lasciati precisamente un anno fa, con la segnalazione di una nostra lettrice. Nella lettera inviata alla nostra redazione si evidenziava la necessità di valorizzare questa vasta area verde che costeggia le sponde del Tevere lungo il quartiere Magliana. Tra l’altro l’unico spazio verde in un quadrante di Roma dominato dall’asfalto e dai palazzi.

Ads

IL PARCO, MANUTENZIONE E GESTIONE

Il Parco Tevere Magliana è infatti una grande oasi inaugurata, dopo molti ritardi, nel 2014. Ampia all’incirca 3,5 ettari, è attrezzata di un’area adibita allo sport e allo svago, di un’area cani, di un campo da calcio, di percorsi per passeggiare nel verde ed impreziosita anche da sculture degli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Roma, dalla pista ciclabile che si snoda lungo tutto il parco e dalla presenza di alberi secolari. Nel corso degli anni la problematica principale è stata la pulizia e la manutenzione dell’area verde. Perciò nel gennaio 2021 è stato siglato un patto di collaborazione tra la Regione Lazio e l’Associazione “Una finestra laica sul territorio”, che negli anni ha così mantenuto pulita tutta l’area. Ultimo fondamentale passaggio, atteso da molti anni, è la gestione diretta da parte del Municipio, così come conferma al nostro giornale anche Valerio Garipoli, Capogruppo FdI in Municipio XI: “Dal primo gennaio 2023 il Municipio XI gestirà direttamente le aree demaniali fluviali del parco sul Tevere a Magliana (oltre a quelle di Parco Tevere Marconi, recentemente inaugurato, ndr). Importante risolvere in maniera rapida le segnalazioni dei residenti sviluppando nuove progettualità. A partire dai lavori per l’ampliamento della nuova area ludica”.

I NUOVI INTERVENTI

I lavori sono iniziati negli ultimi giorni dell’anno appena concluso. Prevedono la costruzione di una nuova area giochi, nella parte recuperata dall’ampliamento della parte a nord del fiume Tevere, e la piantumazione di nuove alberature, che in parte sono state già immesse nel terreno. “Il Parco Tevere Magliana è stato inaugurato nove anni fa ed erano necessarie opere di miglioramento, come la realizzazione dell’area giochi per bambini”, conferma in una nota il Presidente del Municipio XI, Gianluca Lanzi. Sono interventi programmati dalla Regione e concertati con il Municipio, continua a spiegarci Lanzi. “Si sta intervenendo anche per contenere la vegetazione infestante e inoltre il parco verrà arricchito con la piantumazione di 1.700 nuovi alberi grazie ai finanziamenti del bando ‘Ossigeno’ della Regione Lazio che il Municipio XI si è aggiudicato”, conclude il Presidente.

LE REAZIONI

Ottime notizie queste anche per le opposizioni, che si congratulano per i miglioramenti che, finalmente a parer loro, si stanno effettuando. “I bambini di Magliana avranno un’area giochi più adatta alle loro esigenze nel divertirsi”, dichiarano dalla Lega Daniele Catalano ed Enrico Nacca, consiglieri in Municipio XI, e Tony Bruognolo, coordinatore Provincia Roma sud. “Seguiamo da tempo la situazione, tra campi abusivi e spazzatura: finalmente una delle nostre richieste è stata ascoltata, ma serve un’amministrazione regionale più efficace nella valorizzazione economico e sociale che offre il nostro fiume”, concludono i leghisti. Per Valerio Garipoli invece resta nevralgica la manutenzione ordinaria e straordinaria del parco: “Sarà nostra cura monitorare gli interventi affidati al Municipio. Roma Capitale ha stanziato 250mila euro da trasferire al Municipio XI. Importanti infatti saranno gli interventi sulle vasche d’acqua, il controllo dello stato degli arredi, la pulizia delle pavimentazioni, lo svuotamento dei cestini e la cura delle piante, anche considerando le piantumazioni di nuove alberature nell’ambito del progetto ‘Ossigeno’”.

Giancarlo Pini

Previous articleLa ragazza scomparsa
Next articleA scuola con l’intelligenza artificiale