Home Municipi Municipio XI

Piazza Mosca: aspettando la riapertura dell’area giochi

Dopo la dismissione delle attrezzature ludiche, manca la progettualità sulla riqualificazione dell’area giochi del Trullo

montecucco

Tratto da Urlo n.189 aprile 2021

MONTE CUCCO – Altalene, scivoli e cavalli a dondolo non ci sono più. L’area ludica di piazza Gaetano Mosca a Monte Cucco è stata smantellata il 7 settembre 2020, poiché i giochi erano da tempo danneggiati e pericolosi. La piazza dedicata alla figura di Gaetano Mosca, politologo e storico delle dottrine politiche, divenuto famoso poiché insieme a Max Weber sviluppò la teoria dell’elitismo, ha perso così da mesi la sua vera funzione di aggregazione per i bambini e le famiglie del quartiere. L’importanza delle attrezzature ludiche come punto d’incontro viene sottolineata anche da Gianluca Lanzi, già Capogruppo del Pd in Municipio XI, il quale dichiara: “Abbiamo chiesto per primi che l’area venisse ripristinata. Vogliamo che questo spazio, ora vuoto e abbandonato, torni ad essere fruibile e sia restituito al più presto ai bambini e alle famiglie del quartiere”. Anche l’area cani limitrofa si trova in condizioni poco dignitose, ma questa appartiene al Dipartimento Tutela Ambientale del Comune. Così, qui come altrove, il problema torna ad essere la sovrapposizione e il rimpallo di competenze.

Ads

IN ATTESA DI AFFIDAMENTO

“Ci troviamo in una situazione identica a quella dell’area giochi di piazza Cicetti – spiega Mario Torelli, Delegato della Sindaca in Municipio XI – Tutta la zona è di pertinenza Ater, volevamo sistemarla ma ci siamo dovuti fermare, anche perché non si può procedere se non viene ceduta al Municipio. L’Ater a piazza Cicetti ha risolto tutto in maniera relativamente veloce, a Monte Cucco no: non riesco a capire questa differenza, come ha risolto al Trullo dovrebbe risolvere anche a Piazza Mosca. Aspettiamo la proposta dell’Ater di dare in concessione quell’area”, conclude Torelli. Infatti una soluzione sarebbe il passaggio di gestione dall’Ater al Municipio. Per Daniele Catalano, già Capogruppo Lega in Municipio XI, invece la manutenzione dovrebbe andare a soggetti terzi: “Va bene l’assegnazione al Municipio, ma per la gestione successiva preferisco che vada in mano a privati, comitati di quartiere o realtà civiche”. Intanto i residenti attendono il percorso progettuale tracciato dall’Ater. “Siamo in attesa di verifica dell’iter amministrativo più volte sollecitato, di ripristino delle attrezzature e poi dell’affidamento al Municipio” – afferma Valerio Garipoli, ex Capogruppo Fdi in Municipio XI – Ancora non esiste alcuna progettualità e nessuna successiva convenzione per la gestione dell’area: così come è successo per piazza Cicetti, mi auguro che parta un processo partecipato. Per adesso non c’è nessuna risposta ai nostri solleciti. Purtroppo la zona è soggetta a particolari criticità, l’Ater è proprietaria anche degli arredi e dei marciapiedi ormai in dissesto, è stato denunciato anche questo. Di sicuro l’acquisizione a patrimonio di tutte le aree che attualmente sono in un limbo amministrativo sarà una delle tematiche principali della campagna elettorale”, conclude Garipoli.

GLI ALTRI INTERVENTI DELL’ATER

Nonostante l’attesa di un cronoprogramma d’interventi per quanto riguarda l’area giochi a piazza Mosca, l’Azienda territoriale per l’edilizia pubblica ha intanto indetto un referendum digitale sulla destinazione d’uso della vicina collinetta di Monte Cucco. Il 24 febbraio, come già raccontato dal nostro giornale, sono state abbattute le case abusive che dagli anni ‘70 occupavano la collina che collega Monte Cucco al Trullo. “L’area verde, resa ora disponibile, costituisce un’importante opportunità per il quartiere del Trullo di riqualificazione, favorendo la progettazione di spazi per lo svolgimento di attività ricreative, sportive e di ristoro dedicate ai giovani e alla terza età”, spiegano Regione Lazio e Ater Roma, che hanno lanciato un percorso progettuale partecipato (online) con i cittadini per individuare, nelle prossime settimane, la tipologia d’interventi.

Giancarlo Pini

Previous articleRoma70: resta ancora chiuso il giardino della Scuola Enzo Ferrari
Next articleMunicipio XI: doppio colpo nelle scuole del Portuense