Home Municipi Municipio XI

Presto anche Marconi avrà il suo Parco sul Tevere

Tratto da Urlo n.193 settembre 2021

MARCONI – Superare il degrado a cui sembrano condannate le sponde del Tevere (perlomeno in zona Marconi) non è più una missione impossibile. Da alcune settimane infatti la Regione Lazio ha reso noto il progetto di realizzazione di un secondo Parco del Tevere (dopo quello di Magliana) su Lungotevere di Pietra Papa, dall’Olimpic Sporting Club fino a Ponte Marconi. Una lunga area verde al servizio di uno dei quadranti più popolosi di Roma e che da sempre risente dell’assenza di spazi verdi, come quello (sul quale si attendono da tempo gli interventi) nell’area dell’ex Mira Lanza. Il Parco, che sarà realizzato con finanziamenti regionali, ha già ottenuto tutti i permessi.

Ads

IL PROGETTO

Dovrebbe sorgere lungo la riva del fiume, in un’area più volte soggetta alla nascita di insediamenti abusivi, oltre che allo sversamento illegale di rifiuti. Varie le bonifiche svolte nel corso degli anni per evitare che materiali abbandonati potessero finire nelle acque del fiume. Come riferito dalla Regione Lazio, il futuro parco presenterà diverse aree dedicate ai cani, ai giochi per i bambini, al fitness e agli spettacoli all’aperto. Non dovrebbe mancare nemmeno la caratterizzazione legata alla vicinanza al Ponte della Scienza, con giochi per i più piccoli legati al suono e alle stelle. In un secondo momento invece verranno anche realizzati dei pontili che permettano l’attracco di barche e canoe, per dare una nuova funzione a questo tratto di fiume.

GLI INTERVENTI

“L’avvio della bonifica dell’area golenale di lungotevere per la realizzazione del Parco Tevere Marconi è un sogno che si avvera”, ha commentato il candidato alla Presidenza del Municipio XI per il centrosinistra, Gianluca Lanzi. I primi interventi di bonifica erano iniziati prima dell’estate con la rimozione di oltre 100 tonnellate di rifiuti. I lavori, spiega il vice capo di Gabinetto della Regione Lazio, Maurizio Veloccia, proseguiranno con “la modellazione del suolo e poi la realizzazione del parco che sarà fruibile dalla prossima primavera. Per Marconi – aggiunge Veloccia – il nuovo parco sarà un’occasione di sviluppo e valorizzazione nonché, finalmente, uno spazio verde che, da oltre cinquanta anni, il quartiere chiede e che non si era riusciti, fino ad ora, a realizzare”

SICUREZZA E MANUTENZIONE

Anche nel centrodestra l’iniziativa della Regione è stata salutata di buon grado, nonostante non manchino le preoccupazioni sulla futura gestione di queste aree. “Si tratta di un’opera importante e giusta senza alcun dubbio – afferma il candidato alla Presidenza per il centrodestra in Municipio XI, Daniele Catalano – L’importante è che si trovino delle sinergie con le realtà del territorio per assicurare una manutenzione continua. Si tratta di una necessità anche per il Parco del Tevere di Magliana: in aree così delicate sotto il punto di vista degli insediamenti abusivi e dell’abbandono di rifiuti, non si può non tenere conto del controllo e della sicurezza”. Un impegno che dal centrosinistra Gianluca Lanzi sembra pronto ad assumersi qualora venisse eletto: “L’impegno della nostra futura amministrazione municipale sarà quello di contribuire concretamente alla gestione dei due parchi fluviali e, inoltre, porteremo avanti la realizzazione di altri due parchi pubblici tanto attesi nel Municipio XI: il Parco Ruspoli, per Portuense, e il Parco della collina di Monte Cucco, per il Trullo”. Una prima sinergia tra le realtà che si interessano del Fiume è già stata realizzata nelle operazioni preliminari di progettazione. Questa fase infatti, come ricordano dalla Regione, è stata realizzata di concerto con l’autorità del bacino del Tevere e con l’associazionismo, “una sinergia che oggi si vede poco ma che è fondamentale in futuro per gestire questi spazi perché la chiave di volta non è soltanto riqualificare gli spazi pubblici ma poi gestirli e non farli cadere nuovamente nel degrado”, conclude Veloccia.

Leonardo Mancini

Previous articleRipartire
Next articleMunicipio VIII: un bilancio con il minisindaco Ciaccheri al termine della consiliatura