Home Municipi Municipio XI

Presto la realizzazione del parco sulla collina di Monte Cucco

Approvata la mozione da parte del Consiglio Municipale, si attende l’avanzamento dell’iter amministrativo

Tratto da Urlo n.198 febbraio 2022

MONTE CUCCO – Il 20 gennaio 2022 è stata una giornata storica per gli abitanti del Trullo. “Abbiamo scritto una pagina importantissima per il Municipio XI – spiega il Presidente del Municipio, Gianluca Lanzi – il Consiglio municipale ha messo un nuovo tassello per la realizzazione di un’opera fondamentale del nostro programma di governo: il parco della collina di Monte Cucco”.

Ads

LA MOZIONE DEL MUNICIPIO

Grazie alla mozione rafforziamo la volontà di realizzare un grande parco che possa tutelare la vocazione paesaggistica, storica e culturale dell’area e che prevede al suo interno anche gli orti urbani, come richiesto dai cittadini e dall’associazione di promozione sociale Trullo al Verde”, conclude Lanzi. Conferma anche Alberto Belloni, che sta seguendo la situazione in prima persona in qualità di Assessore all’Urbanistica del Municipio XI: “La mozione chiede che l’iter sia più veloce possibile affinché si realizzino quanto prima tutti i progetti su quest’area. È uno dei punti più importanti del nostro programma elettorale ed è un intervento che ci sta particolarmente a cuore e a cui ci stiamo dedicando quotidianamente”. Attraverso l’approvazione di questo documento, infatti, il Consiglio municipale spinge la Giunta capitolina a velocizzare l’iter amministrativo per la realizzazione del parco ed è, come ci spiega Valerio Garipoli, Capogruppo Fdi in Municipio XI, un palese atto d’indirizzo rivolto proprio al Campidoglio, “al fine di sbloccare l’iter amministrativo. Fdi ha votato favorevolmente nel solo interesse dei cittadini e residenti. Sarà nostra cura monitorare l’iter di esecuzione, la gestione delle risorse, la riqualificazione della Torre Righetti, la tutela dell’area archeologica, della vicina fattoria privata e degli orti urbani”. La rigenerazione di tutta la collina in parco contribuirà anche alla valorizzazione dei quartieri limitrofi, come Trullo e Casetta Mattei, spiega invece Maurizio Veloccia, Assessore all’Urbanistica di Roma Capitale: “La collina di Monte Cucco è un’area di pregio paesaggistico, urbanistico e archeologico. La sua trasformazione in un parco costituirà un arricchimento per tutto il quadrante Ovest. Accogliamo, quindi, la mozione approvata oggi dal Consiglio del Municipio XI, frutto di un importante lavoro di condivisione con i cittadini soprattutto per quanto concerne la destinazione di una parte dell’area a orti urbani”.

IL PROGETTO DEL PARCO

Il progetto, oggetto di una compensazione prevista dalla Convenzione Urbanistica del Programma di Trasformazione Urbanistico della Stazione Aurelia, prevede anche la ristrutturazione della Torre Righetti, che dovrebbe diventare un info point, e di altri annessi presenti, per un ammontare a carico del privato di circa 2,5 milioni di euro e si svilupperà anche in un’area archeologica di circa 6 ettari nella Riserva Naturale della Valle dei Casali. Divenuto famoso grazie allo storico film ‘Uccellacci e Uccellini’ di Pasolini e anche grazie a Gianni Rodari, che scelse questa collina per l’atterraggio della ‘Torta in cielo’, il parco ospiterà: eventi, attrezzature per lo sport, sentieri naturisti e orti urbani. Lo conferma al nostro giornale l’Assessore Belloni: “Siamo in attesa che venga approvata dalla Conferenza di Servizi la variante al progetto che prevede gli orti urbani, il parco attrezzato e la valorizzazione di Torre Righetti”. Il progetto su questa vasta area ha messo d’accordo maggioranza e opposizione. “Abbiamo votato favorevolmente all’iniziativa proposta dalla maggioranza. Infatti è interesse di tutti tutelare quest’area valorizzandola con un parco che possa anche mettere in sicurezza la Torre. Sarà nostra premura richiedere una commissione ambiente per capire l’iter e se la maggioranza avrà voglia di ascoltare le nostre proposte per il parco”, così in una nota i consiglieri municipali della Lega, Daniele Catalano ed Enrico Nacca.

Giancarlo Pini

Previous articleAzul – Gioia, furia, fede y eterno amor
Next articleResidence Bravetta: si torna a parlare delle opere pubbliche