Home Municipi Municipio XII

Archi di Villa Sciarra: in arrivo la progettazione per la messa in sicurezza

Verrà realizzata una struttura a protezione della carreggiata permettendo il ritorno della circolazione stradale

MONTEVERDE – Il Presidente del Municipio XII, Elio Tomassetti, nei giorni scorsi è tornato a dare notizie sull’andamento delle operazioni per la riapertura degli archi di Villa Sciarra su via Calandrelli – via Bonnet.

LA CHIUSURA DEGLI ARCHI

Il 27 dicembre scorso, dopo la caduta di alcuni laterizi sulla carreggiata stradale, le pattuglie del I gruppo Trevi e del XII Monteverde della polizia locale di Roma Capitale hanno disposto la chiusura al transito di mezzi e pedoni, anche a seguito di un primo sopralluogo dei Vigili del Fuoco. Si è resa da subito necessaria la deviazione delle due linee bus che transitano in questa zona (il 44 e il 75).

Ads

LA COMMISSIONE CULTURA

Il 26 gennaio, si è tenuta una commissione Capitolina Cultura capitolina, durante la quale sono stati ascoltati i tecnici della Sovrintendenza responsabili per questo procedimento. Questi hanno spiegato come in questi giorni sia stata attivata una procedura per individuare un professionista che possa certificare lo stato degli archi e indicare gli interventi da mettere in atto. Sempre dalla Sovrintendenza hanno spiegato che le analisi che verranno effettuate serviranno a capire la natura di queste lesioni, se sono quindi provocate a dei problemi sugli archi, o se siano legati a movimenti geologici dell’area. Serviranno quindi delle indagini geognostiche sulle fondazioni delle arcate.

LE ULTIME INFORMAZIONI

Dal Municipio XII il Presidente Tomassetti ha fatto sapere che il 22 febbraio sarà consegnata la progettazione di una adeguata struttura di sicurezza e di protezione dall’eventuale distacco di elementi lapidei dalla struttura muraria degli Archi. “Questa struttura – scrive il Presidente su Facebook – che sarà realizzata in tempi brevi (inizio marzo), consentirà la riapertura al traffico veicolare e pedonale nei due sensi di marcia. Successivamente sarà avviata una campagna di indagini strutturali e materiche per la progettazione dell’intervento definitivo finalizzato alla ristrutturazione e al consolidamento delle strutture murarie”.

VERSO LA RIAPERTURA

Sempre in occasione della commissione capitolina Cultura del 26 gennaio scorso era stato anche sottolineato come, per permettere la riapertura degli archi il Municipio si sarebbe dovuto fare carico della sistemazione del manto stradale, così da evitare vibrazioni e scossoni dovute a buche e imperfezioni sulla carreggiata.

Red

Previous articleMeteo: allerta gialla per forte vento sul Lazio
Next articleTrigoria: dopo 4 anni e mezzo la voragine sulfurea è ancora lì