Home Municipi Municipio XII

Forte Bravetta: protocollo di intesa per la riapertura del luogo storico

Grazie a un accordo tra Comune, ANPI e ANPPIA sarà fruibile dai cittadini con l’ausilio di visite guidate

BRAVETTASabato 22 maggio è stato firmato un protocollo di intesa tra Comune, ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) e ANPPIA (Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti) che consentirà la riapertura al pubblico del Forte Bravetta. I cittadini potranno tornare a visitare il luogo grazie alle visite guidate che verranno organizzate.

IL PROTOCOLLO

A dare la notizia era stata la stessa ANPPIA sulla propria pagina Facebook ufficiale qualche giorno prima della data in cui si è svolto l’incontro per siglare l’iniziativa: “Forte Bravetta riapre”, scriveva l’Associazione che, ha parlato poi del protocollo di intesa, “per il quale – si legge – hanno lavorato le due sezioni ANPI ‘Martiri di Forte Bravetta’ del XII Municipio e ‘Antonio Nardi’ dei Vigili del Fuoco”. L’ANNPIA ha poi aggiunto: “Vogliamo iniziare un percorso di riutilizzo di questo luogo storico dell’antifascismo e della Resistenza romana che per anni è stato chiuso al pubblico”. Nel corso dell’evento, che si è svolto nel rispetto delle normative anti-covid, si è tenuta la prima visita guidata con il Prof. Augusto Pompeo e gli studenti del liceo Malpighi. “È importantissimo – ha commentato la presidente del Municipio XII, Silvia Crescimannoche un luogo simbolo della resistenza antifascista, come Forte Bravetta torni a nuova vita, a memoria di coloro che la persero per la nostra libertà”.

Ads

L’IMPORTANZA DELLA MEMORIA

La Sindaca di Roma, Virginia Raggi, che era presente all’iniziativa che si è svolta sabato scorso al Forte Bravetta, ha ringraziato l’ANPI e l’ANPPIAper questa sinergia di spessore, e perché ci aiutano a tener viva la consapevolezza di quanto non deve mai più accadere”. La prima cittadina ha tenuto a rivolgere dei ringraziamenti anche ai “volontari di Retake Roma, che amano e curano Forte Bravetta: hanno piantato splendidi fiori davanti al monumento ai caduti, pulito le targhe toponomastiche marmoree, raccolto i rifiuti lungo il percorso e pulito il muro di ingresso al parco”. A commento del significato del luogo, Virginia Raggi ha poi ribadito quanto sia importante la memoria del passato: “Ci sono alcune pagine di storia scritte da eroi che non dobbiamo dimenticare, perché ci hanno lasciato un mondo migliore. Una di queste pagine è stata scritta a Forte Bravetta, nel Municipio XII, dai patrioti che hanno combattuto il nazi-fascismo a Roma. Persone – ha seguitato la Sindaca – che scambiavano informazioni, che nascondevano i perseguitati dal regime, che confezionavano documenti per chi doveva essere salvato: sono i protagonisti della resistenza romana, torturati e uccisi in questo luogo, che da oggi apriremo al pubblico per le visite guidate in nome di una memoria che va preservata, sempre”.

Apt

Previous articleRoma: De Vito lascia il M5s, “Non riesco più a dire Noi del Movimento 5 Stelle”
Next articleCovid-19: nel Lazio i nuovi contagi sono 292, il numero più basso da ottobre