Home Notizie Cronaca Roma

Mercato Capasso: al via i lavori tra maggio e giugno

Previsto tra maggio e giugno l’inizio delle opere che dureranno circa un anno

PISANA – L’8 aprile è stata aggiudicata la gara per la realizzazione del mercato di via dei Capasso. I lavori dovrebbero partire tra maggio e giugno e, salvo imprevisti, dovrebbero durare circa un anno. La notizia è stata annunciata nel corso di una Commissione Lavori Pubblici capitolina la scorsa settimana, alla quale ha partecipato anche Claudio Cardillo, presidente della commissione Urbanistica del Municipio XII, che da sempre segue da vicino la questione e che ovviamente ha salutato soddisfatto la notizia dell’imminente inizio delle opere. Finalmente quindi il progetto sembra essere in procinto di essere realizzato. Collegata con la nascita del nuovo plateatico è la riqualificazione di Piazza Visconti, dove attualmente sono dislocati i pochi banchi rimasti del vecchio mercato.

Ads

AL VIA I LAVORI A CAPASSO

Quella dell’inizio dei lavori a via dei Capasso, ha detto Alessandra Agnello, presidente della Commissione Lavori Pubblici di Roma Capitale, è una “notizia importante, frutto di un lavoro intenso e costante della Commissione Lavori Pubblici in sinergia con l’omonimo Assessorato (ai Lavori Pubblici capitolino ndr) guidato dalla dottoressa Linda Meleo, che ringrazio a titolo personale, e con il Municipio XII”. La notizia dell’inizio dei lavori è stata commentata dai due esponenti della Lega Giovanni Picone e Marco Giudici, consiglieri in Municipio XII, che hanno ricordato che i lavori per il nuovo mercato sono attesi dal “2013 quando si stanziarono i primi fondi per questo intervento che ha visto troppi ritardi avvenire in questa consiliatura grillina. Tutti i cittadini – hanno proseguito i due politici – ricordano i post trionfalistici della Presidente (del Municipio XII ndr) Crescimanno nel 2018 per un inizio lavori avvenuto solo sulla carta”. I lavori effettivamente non partirono mai, se non con un parziale sbancamento dell’area e questo avvenne perché la ditta, vincitrice del bando nel 2016, abbandonò il cantiere prima di iniziare le opere a causa sopraggiunte difficoltà economiche. Ricordiamo che la consegna dell’area ai vincitori della gara (indetta dalla passata amministrazione ndr) avvenne a quasi due anni di distanza (a marzo 2018) rispetto all’aggiudicazione (metà 2016) per via di una serie di ragioni, tra le quali la richiesta di varianti al progetto da parte del Genio Civile per l’adeguamento alla nuova normativa antisismica. Quella ottenuta quindi, per gli esponenti del Carroccio, è una “vittoria a metà”. I due consiglieri hanno poi ricordato l’intervento di riqualificazione di Piazza Visconti collegato alla realizzazione del nuovo mercato: “Il quartiere Bravetta ha perso più di 5 anni e ufficialmente non potrà contare sulla riqualificazione dell’ex mercato di Piazza dei Visconti, intervento già definanziato nel 2018 e nonostante le promesse mai rimesso a bilancio”.

VIA DEI CAPASSO E PIAZZA VISCONTI

Ovviamente la piazza potrà essere interessata dalle opere di riqualificazione solo una volta che gli operatori potranno essere spostati nel nuovo mercato a via dei Capasso ma al momento in verità l’opera non risulta essere finanziata. Ne abbiamo parlato con Claudio Cardillo che ha chiarito la situazione: “Inizialmente l’appalto comprendeva sia la realizzazione del mercato che la riqualificazione di piazza Visconti. In seguito alla variazione del progetto per il mercato dovuta alle richieste del Genio Civile tutti i fondi vennero spostati sul mercato” e la riqualificazione di piazza Visconti fu definanziata. “Con un atto di consiglio del Municipio – ha proseguito Cardillo – abbiamo chiesto che 200mila euro degli oneri concessori derivanti dall’intervento urbanistico sull’ex Residence Roma, vengano destinati a piazza Visconti e abbiamo domandando che gli uffici comunali municipali competenti lavorino sul progetto di riqualificazione di quest’ultima”.

APT

Previous articleCovid-19: nel Lazio sono 939 i nuovi casi, il rapporto con i tamponi è al 5%
Next articleRoma70: una nuova strada mette a rischio il Barcellona Caffè, ma il Municipio parla di spostamento