Home Municipi Municipio XII

Municipio XII: dopo sei mesi riaperti gli archi di Villa Sciarra

Tratto da Urlo n.202 giugno 2022

MONTEVERDE – A dicembre alcuni laterizi degli archi di Villa Sciarra erano caduti sulla carreggiata, episodio che aveva portato alla chiusura al transito, con non pochi disagi per il traffico. Dal 6 giugno però il tratto è stato riaperto. Il Presidente del XII Municipio, Elio Tomassetti, aveva spiegato che i ritardi erano dovuti alle indagini geognostiche da eseguire. Inoltre, anche La Sovrintendenza Capitolina era intervenuta procedendo alla verifica degli archi. “Si sono quindi succeduti numerosi sopralluoghi congiunti – aveva spiegato Tomassetti – Si è stabilito di richiedere un sopralluogo urgente alla Commissione Stabili Pericolanti al fine di individuare interventi e modalità operative da attuare per la messa in sicurezza”. Alla fine, dopo circa sei mesi e molta attesa da parte dei cittadini, sono stati finalmente riaperti gli Archi di Villa Sciarra.

Ads

“Ricordiamo che l’intervento ha richiesto attente indagini data la destinazione e la delicatezza del bene. Grazie a un raccordo fra il Municipio, i dipartimenti comunali e la Sovrintendenza, è stato possibile anticipare le indagini geognostiche per far sì che non si procedesse ad una richiusura più avanti”, ha tenuto a precisare Tomassetti: “L’attuale struttura, fatta di tubi innocenti, è stata fortemente voluta dal Municipio per garantire la sicurezza statica degli archi e allo stesso tempo permettere il transito veicolare”. Dall’opposizione, il consigliere della Lega Giovanni Picone chiede però di non abbassare l’attenzione sull’area, in cui il decoro non è stato ancora del tutto ripristinato. “Quando torneranno ad essere anche belli da vedere? Perché l’impatto visivo attuale non è certo dei migliori per il decoro della nostra città, e sinceramente neanche rassicurante. Spero vivamente che non faccia la fine della statua di Garibaldi al Gianicolo, colpita nel 2018 da un fulmine e rimasta impacchettata per anni”, conclude Picone.

Marta Dolfi

Previous articlePonte Giulio Rocco: prosegue l’iter per l’abbattimento e la ricostruzione
Next articleCecchignola: si lavora ancora all’apertura della Città Militare