Home Municipi Municipio XII

Piazza Scotti: al via la sperimentazione sul traffico

Nuova viabilità in attesa dei lavori di restyling che potrebbero partire entro la fine di luglio

SHARE

Tratto da Urlo n.181 Luglio 2020

MONTEVERDE – Ha avuto inizio a partire dalla metà di luglio l’avvio della sperimentazione sui nuovi flussi di traffico per le vie limitrofe a piazza Scotti, parte del tanto discusso e atteso piano di restyling della piazza. Lo start del banco di prova per la nuova mobilità era previsto per marzo, ma poi a causa dell’emergenza sanitaria che ha investito il Paese è stato bloccato e posticipato. Sempre entro luglio, potrebbero partire anche i lavori di riqualificazione della piazza, ma al momento in cui scriviamo su questo aspetto non c’è ancora sicurezza.

LA SPERIMENTAZIONE

Lunedì 13 luglio sono iniziate le opere di rifacimento della segnaletica sulle strade, limitrofe a piazza Scotti, che subiranno modifiche alla percorribilità per la sperimentazione dei nuovi transiti del traffico con la variazione già dei primi flussi (su un tratto di via di Monteverde). La nuova viabilità entrerà in vigore entro la fine del mese di luglio, ci ha detto l’Assessore alla Mobilità del Municipio XII, Alessandro Galletti: “Far partire la sperimentazione adesso consentirà ai cittadini di abituarsi gradualmente alle nuove regole del traffico”. Nello specifico le modifiche, che potranno essere confermate o variate in base al risultato della sperimentazione, interesseranno via di Monteverde, via Palasciano e le vie limitrofe a queste ultime. Sulla prima parte di entrambi i tratti di via di Monteverde afferenti alla piazza è previsto un senso unico in uscita, verso viale dei Colli Portuensi fino a via Severo Carmignano da un lato, e verso circonvallazione Gianicolense fino a via Palasciano dall’altro. Nei tratti a senso unico di via di Monteverde sono previsti dei parcheggi a spina per aumentare il numero dei posti auto. In entrambi i casi il secondo tratto di via di Monteverde resterà a doppio senso. Prevista un’inversione del senso unico sul tratto centrale di via Crivelli, quello compreso tra largo Pelletier e via Carmignano. Anche il senso di marcia sull’ultimo tratto di via Palasciano subirà delle modifiche: quest’ultimo sarà percorribile a salire (non più a scendere) fino a piazza della Trasfigurazione, mentre la viabilità nel tratto alto della strada rimarrà uguale. Un’inversione dei sensi unici interesserà anche alcune strade limitrofe a via Palasciano: via di Gallese, via Canobi e via Verospi. Nessun cambiamento per via Jenner e via di Val Tellina che rimarranno doppio senso.

I LAVORI DI RESTYLING

I lavori su piazza Scotti fanno parte dello stesso lotto di spesa che comprende anche interventi su via Virginia Agnelli e via Massi, per un importo pari a 904 mila euro. I lavori sulla piazza sono attesi da tempo e sono molti i progetti vagliati per arrivare a quello definitivo. Ne abbiamo parlato con Alessandro Galletti: “Abbiamo chiesto alla ditta di iniziare i lavori entro la fine di luglio, contemporaneamente sul cantiere di piazza Scotti e su quello di via Virginia Agnelli. Se però questo non fosse possibile abbiamo chiesto di dare la priorità a piazza Scotti, sempre che sussistano le condizioni per partire”. La richiesta del Municipio, ci ha spiegato sempre Galletti, è di evitare ai cittadini i disagi che si creerebbero se il cantiere partisse dopo l’estate. Il progetto, ha detto Claudio Cardillo, presidente della Commissione Mobilità e Urbanistica del Municipio XII, “prevede l’ampliamento della parte centrale della piazza: la rotatoria sarà sostituita con una ampia area pedonale rettangolare intorno alla quale continueranno a transitare le macchine. Questo determinerà un percorso alternativo per l’autobus della linea 44 che, dopo il nulla osta di Atac, proseguirà dritto da via Jenner a via di Val Tellina (e non farà quindi più il giro intorno allo spazio centrale, ndr). I parcheggi aumenteranno e vi saranno posti auto con sosta oraria intorno alla piazza per la tranquillità dei commercianti. Nell’area pedonale ci saranno nuova illuminazione e alberi, saranno poi predisposti degli arredi e delle panchine intelligenti, dove sarà possibile ricaricare il cellulare”.

LE CRITICHE

Si è detto contrario, sia alla sperimentazione che al progetto di restyling della piazza, Lorenzo Marinone, consigliere in Municipio XII (Pd): “Si dà seguito a un progetto di restyling che non è mai stato condiviso e che non è nell’interesse né dei cittadini né dei commercianti, ma che anzi peggiorerà la viabilità locale e creerà solamente disagi. Iniziare una sperimentazione nei mesi estivi è solo una presa in giro alla cittadinanza perché, tra scuole chiuse e smart working, non fornirà alcun risultato realistico”. Molto critico è stato anche Giovanni Picone (Lega), consigliere in Municipio XII: “La gestione del progetto di riqualificazione di piazza Scotti rappresenta il de profundis del M5S e della sua idea di far partecipare il territorio alle scelte dell’amministrazione. Un progetto tenuto nascosto per lungo tempo, rimasto il medesimo nonostante la promessa di riadattarlo alle esigenze dei residenti e commercianti. Serviva una sperimentazione seria ed effettuata nei momenti più critici di traffico e viabilità. Come pensata ora più che sperimentazione è una prova generale. Una vergogna, i cittadini avrebbero meritato più attenzione e rispetto. Non mettiamo in dubbio che la Piazza sarà bella, ma certamente l’avremmo pensata meno impattante per tutti, viabilità compresa”. Alle accuse ricevute dall’opposizione ha risposto Cardillo: “In commissione sono presenti tutte le forze politiche. La discussione per la riqualificazione di piazza Scotti è stata fatta collegialmente”.

Anna Paola Tortora