Home Notizie Cronaca Roma

Anche Roma firma per accogliere Kiev nel “Patto delle Città Libere”

Prevista per domani sera una nuova fiaccolata nella Capitale in sostegno al popolo Ucraino

ROMA – Il Sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha firmato la dichiarazione dei Sindaci del “Patto delle città libere” per accogliere la città di Kiev nell’alleanza. La decisione del governo russo di invadere il libero e indipendente stato dell’Ucraina – si legge nel testo della dichiarazione – è un atto di guerra senza precedenti in Europa. Il patto venne firmato il 16 dicembre 2019 presso la Central European University di Budapest. Gli obiettivi dei firmatari includono la condivisione di informazioni sulle buone pratiche in materia di sviluppo urbano, mitigazione della crisi abitativa e riscaldamento globale.

L’ACCOGLIENZA DI KIEV NEL PATTO

La dichiarazione è stata sottoscritta dai sindaci di Amsterdam, Barcellona, Bratislava, Budapest, Francoforte, Danzica, Londra, Los Angeles, Milano, Parigi, Podgorica, Praga, Rijeka, Roma, Stoccarda, Taipei, Taoyuan, Tirana, Ulm, Neu-Ulm, Vienna, Varsavia e Zagabria. “Come sindaci del “Patto delle città libere” – si legge ancora nel testo sottoscritto dai Sindaci – condanniamo fermamente l’aggressione armata del presidente Putin contro l’Ucraina. Questa invasione è una delle minacce più gravi per la pace e per la sicurezza in Europa dalla seconda guerra mondiale. Le città ucraine e l’intero Paese sono sotto attacco diretto e ingiustificato. Vogliamo offrire risorse, supporto e aiuto alla popolazione ucraina e siamo solidali con loro nella lotta per la libertà e la democrazia. La scorsa settimana – conclude la dichiarazione – abbiamo offerto l’adesione al “Patto delle città libere” al sindaco di Kiev, Vitali Klitschko. Faremo il possibile per accoglierlo in questa alleanza, come sindaco di una capitale libera, di un paese libero e democratico”.

Ads

LA MANIFESTAZIONE A ROMA

Intanto nella capitale di moltiplicano gli appuntamenti di solidarietà nei confronti del popolo Ucraino. Giovedì 3 marzo alle 19.00 è stata organizzata dal Municipio VIII una manifestazione in forma statica a Porta San Paolo, luogo simbolo della resistenza romana. Il Comune di Roma ha poi organizzato per venerdì 4 marzo alle 19.30, una fiaccolata contro la guerra e l’invasione russa dell’Ucraina. “Sarà l’occasione per ribadire il nostro sostegno e la nostra vicinanza al popolo ucraino in questo momento difficile – ha detto il Sindaco Gualtieri – Sono certo che parteciperanno tanti sindaci e amministratori da tutta Italia, a testimoniare con forza l’unità del nostro paese per la pace e contro un’aggressione militare gravissima e inaccettabile”.

Red

Previous articleEx Cava Covalca: bocciata la mozione del M5s contro l’ampliamento della discarica
Next article“Cittadino, non suddito”, il Municipio XI ricorda Bruno Tescari a dieci anni dalla scomparsa