Home Rubriche City Tips

Coronavirus: guida al trattamento dei rifiuti domestici

Dall’Istituto Superiore di Sanità arrivano le regole da seguire con scrupolo per combattere la diffusone del contagio

SHARE

RIFIUTI – In questi giorni di emergenza, dove le azioni di tutti devono essere volte a limitare il più possibile la diffusione del contagio da Covid-19, anche il trattamento dei rifiuti domestici dovrà seguire determinate regole. A parlarne è stata l’Ama che ha diffuso una nota contenente le indicazioni fornite dall’Istituto Superiore di Sanità in merito. Si tratta di norme indispensabili in questo particolare periodo che i cittadini sono invitati a rispettare nell’interesse della sicurezza e della tutela della salute di tutti.

LE MISURE DA ADOTTARE

Vista l’importanza dell’argomento l’Azienda Capitolina dei Sevizi di Igiene Urbana ha dedicato al tema un’apposita sezione. Ma entriamo nel dettaglio: “In particolare, come evidenzia l’ISS – si legge in una nota di Ama – i soggetti risultati positivi al virus o che si trovano in quarantena obbligatoria non devono differenziare le varie frazioni di rifiuto, ma conferire tutti i materiali utilizzando due o tre sacchetti posti uno dentro l’altro all’interno del contenitore riservato all’indifferenziato. Nello specifico plastica, carta, vetro, metalli, umido e indifferenziato vanno gettati tutti nello stesso contenitore assieme a fazzoletti e rotoli di carta, mascherine, guanti e teli monouso. Una volta riempiti i sacchetti vanno ben chiusi con lacci o nastro adesivo utilizzando dei guanti che poi vanno immediatamente gettati nei nuovi sacchetti predisposti per la raccolta. Effettuata questa operazione è indispensabile lavare accuratamente le mani. I sacchi con all’interno tutti i materiali indifferenziati vanno smaltiti tutti i giorni e, nel tempo in cui sono custoditi in casa, non devono essere in alcun modo accessibili agli animali domestici”.
Il resto della popolazione, ovvero i soggetti che non sono positivi al Coronavirus e che non sono in quarantena precauzionale obbligatoria, devono seguitare a fare la raccolta differenziata, separando quindi tutti i materiali come facevano prima, ma con un’attenzione particolare a una specifica categoria di rifiuti: “Mascherine, guanti monouso e fazzoletti di carta usati devono essere gettati nei rifiuti indifferenziati che vanno sempre conferiti in due o tre sacchetti quanto più possibile resistenti posti l’uno dentro l’altro all’interno del contenitore abitualmente utilizzato. Prima di essere smaltito il sacchetto esterno va ben chiuso e dopo è necessario lavarsi le mani”.

IMPORTANTE LA COLLABORAZIONE DI TUTTI

È importante che tutta la popolazione si attenga a queste norme, ha sottolineato l’Amministratore Unico di Ama Stefano Zaghis: “Chiediamo a tutti i romani la massima collaborazione. Anche i cittadini della Capitale, infatti, devono attenersi scupolosamente a queste semplici e importanti regole indicate per tutto il territorio nazionale dall’ISS. Mai come In questo momento siamo tutti chiamati a fare la nostra parte e ad assumere comportamenti responsabili a tutela della salute di tutti”.

Anna Paola Tortora