Home Notizie Cronaca Roma

EUR: la Formula E passerà sotto il Colosseo Quadrato

SHARE

EUR – È stato svelato il circuito sul quale il prossimo 10 aprile correranno le monoposto elettriche della Formula E. La gara torna a Roma, l’unica metropoli al momento nel calendario della federazione, con un tracciato tutto nuovo. L’annuncio è arrivato questa mattina dalla ABB Formula E, la federazione che gestisce questo campionato. La gara di Roma è quindi confermata per il terzo anno (2018, 2019), nonostante le difficoltà causate dall’emergenza sanitaria: “Siamo impegnati da tempo, insieme con tutti gli attori coinvolti, nell’organizzazione della manifestazione e abbiamo vagliato tutti i possibili scenari al fine di garantire lo svolgimento di questo grande evento in un anno di incertezze segnato dalla pandemia”, ha commentato l’assessore comunale allo Sport, Daniele Frongia.

IL NUOVO CIRCUITO

La gara si presenta con un tracciato rinnovato per un totale di 3.385 km. La partenza viene spostata dalla Cristoforo Colombo (anche con l’idea di diminuire l’impatto della gara su questa importante arteria) e sarà su Largo Parri, ai piedi del Palazzo della Civiltà Italiana, meglio conosciuto come Colosseo Quadrato. I piloti percorreranno il circuito in senso antiorario affrontando subito una serie di curve in leggera salita in viale dell’Astronomia, viale Pasteur, e in viale della Civiltà del Lavoro. Da qui si prende velocità in un lungo rettilineo fino a piazzale delle Nazioni Unite, dove si svolta sulla Colombo in direzione di piazza G. Marconi. Qui i piloti dovranno girare attorno all’obelisco per tornare in prossimità di piazzale delle Nazioni Unite e andare verso destra in viale della Civiltà del Lavoro. Successivamente le monoposto costeggeranno il Palazzo dei Congressi imboccando Piazza John Kennedy in senso contrario, per poi scendere lungo via dell’industria fino a via delle Tre Fontane. Questa strada verrà percorsa fino a viale Romolo Murri che, con una lunga salita, riporterà i piloti sotto al Colosseo Quadrato.

MENO IMPATTO SULLA MOBILITÀ

Questo percorso rinnovato incide in maniera minore sulla mobilità del pentagono dell’EUR, andando a toccare solo in parte il flusso di traffico di via C. Colombo. “È il risultato della costante ricerca di miglioramenti di performances con un’attenzione a minimizzare quanto più possibile l’impatto sulla mobilità cittadina”, ha commentato l’assessore Frongia. Negli scorsi anni infatti non sono mancati i disagi dovuti alle operazioni di allestimento e rimozione del circuito, che si sono protratte per diversi giorni prima e dopo la gara. Sarà da valutare se quest’anno, complice anche lo smart working dilagante nel quadrante EUR, questo nuovo assetto gioverà o meno alla mobilità dell’area.

LE SPERANZE DEGLI ORGANIZZATORI

Naturalmente anche questo evento deve fare i conti con l’emergenza sanitaria e le regole imposte per il distanziamento sociale. L’idea è quella di realizzare spalti e un ‘Allianz E-Village’ più spaziosi. Come nelle scorse edizioni l’area del tracciato sarà riasfaltata, mentre il marciapiede di via Murri sarà integralmente ricostruito. “Abbiamo un forte sostegno dalla città per correre in questa zona, lo sappiamo molto bene e abbiamo lavorato a stretto contatto con le autorità per risolvere tutti i problemi che esistevano prima – ha dichiarato il Direttore Sportivo della Formula E, Frederic Espinos – Siamo arrivati ​​a una soluzione per raggiungere un obiettivo comune e, ancora una volta, ci siamo adattati come richiesto, anche con le restrizioni imposte a causa della situazione sanitaria globale“. Inoltre, spiegano gli organizzatori, l’ultima edizione (quella del 2019) aveva generato un impatto economico sul territorio pari a 60 milioni di euro. Sarà da vedere se in questo momento si riusciranno a confermare questi risultati.

Leonardo Mancini