Home Notizie Cronaca Roma

Municipio XIV: sul Parco Lineare Ciclopedonale mancano manutenzione, sicurezza e pulizia

FdI: “Saremo presenti in piazza per promuovere una petizione sul rilancio dell’opera”

MUNICIPIO XIV – “In questi giorni in Municipio XIV tiene banco la questione del prolungamento del tratto di ciclabile che collega Monte Mario a Monte Ciocci. Colpisce che si parli di ampliare un’opera che nei fatti risulta essere stata abbandonata dall’amministrazione Cinquestelle. Parlare di prolungamento di una pista lasciata in queste condizioni appare solo sterile propaganda. Servono investimenti che garantiscano decoro e sicurezza per le migliaia di persone che quotidianamente la percorrono” dichiarano in una nota Alberto Mariani, capogruppo di Fratelli d’Italia in Municipio XIV, e Federico Rocca, Responsabile regionale del dipartimento sicurezza del partito.

L’opera annunciata dalla giunta del XIV Municipio infatti, porterà alla realizzazione del tratto ciclopedonale di collegamento tra la stazione San Filippo Neri e il complesso del Santa Maria della Pietà: un tracciato che si congiungerà poi al parco lineare che corre tra Monte Mario e Monte Ciocci. Il prezzo finale dei lavori dovrebbe aggirarsi attorno si 500 mila euro e durare non meno di cinque mesi. Ma la problematica principale, per gli esponenti di FdI, resta quella della mancanza di manutenzione, pulizia e sicurezza del tratto esistente, motivi che hanno portato gli stessi ad organizzare un’iniziativa sul tema: “Fratelli d’Italia sarà presente sabato 21 novembre in via dei Monfortani, dalle 10 alle 13, per promuovere la petizione di rilancio di un’opera di straordinaria importanza per il nostro territorio”.

Ads

Nella petizione verranno richieste: manutenzione del verde e regolare raccolta rifiuti, installazione di un sistema di videosorveglianza, manutenzione dell’area giochi, verifica e potenziamento del sistema di illuminazione.

Marta Dolfi

Previous articleStadio della Roma: i terreni di Tor di Valle sotto pignoramento
Next articleStazione Tor di Valle: lavori fermi e cantieri abbandonati