Home Notizie Cronaca Roma

Rifiuti, Gualtieri: “Miglioramenti nella raccolta, ma c’è ancora da fare”

Il primo cittadino fa il punto sui risultati del Piano Straordinario di pulizia della città lanciato 10 settimane fa

ROMA – Il Sindaco Gualtieri è tornato a fare il punto sul Piano Straordinario di pulizia della città a 10 settimane dall’inizio degli interventi. Il primo cittadino ha parlato di come queste attività d’ora in poi dovranno rientrare nella gestione ordinaria del decoro della città: “Oggi rispetto a due settimane fa quando abbiamo fatto il punto della situazione in Campidoglio possiamo dire che c’è stato un ulteriore miglioramento nella raccolta dei rifiuti in strada. Certamente il nostro impegno non termina qui e c’è ancora moltissimo da fare per raggiungere il livello di pulizia e di cura della città che i romani meritano – seguita Gualtieri – Grazie allo stanziamento in bilancio delle risorse necessarie, quello che fino ad oggi è stato un piano straordinario di interventi diventa un punto di partenza, la modalità ordinaria di cura e di manutenzione di Roma”.

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI

Dal Campidoglio spiegano che parte integrante del piano è stata la riorganizzazione dei conferimenti e dei flussi di scarico degli automezzi, che ha portato ad una maggiore regolarità nella raccolta. “Un’esigenza – si legge – collegata anche ai provvedimenti adottati di recente, come la riattivazione della stazione di trasbordo di Saxa Rubra fino a un massimo di 300 tonnellate al giorno, e quella del tritovagliatore di Acilia per altre 300 tonnellate giornaliere”. Si passa poi al potenziamento della flotta con i mezzi rientrati in servizio dopo la manutenzione, agli interventi di bonifica sul 31% delle discariche abusive segnalate fino ad ora e allo svuotamento dei cassonetti stradali anche con turni straordinari nelle giornate festive e prefestive.

Ads

GLI INTERVENTI SUL VERDE

La pulizia delle strade è stata assicurata con lo spazzamento meccanico su percorsi mirati, oltre che grazie alla pulizia delle caditoie e agli interventi di manutenzione sul verde orizzontale e verticale. Inoltre, annunciano in una nota, “Nelle prossime settimane è prevista l’aggiudicazione dell’appalto per il diserbo di 16 lotti, uno per ciascun Municipio, che consentirà maggiore velocità di intervento sui singoli territori”.

GLI IMPIANTI

Dall’Assessorato ai Rifiuti è Sabrina Alfonsi a parlare del piano straordinario appena concluso: “È stato raggiunto l’obiettivo che ci siamo prefissati, ma, allo stesso tempo, stiamo mettendo in campo azioni di sistema che, come abbiamo detto più volte, sono necessarie per far uscire Roma dalla situazione bloccata in cui è venuta a trovarsi negli ultimi anni“. Per Sabrina Alfonsi è necessario procedere nella realizzazione degli impianti necessari alla chiusura del ciclo dei rifiuti “sulla quale – spiega – abbiamo già iniziato a lavorare con le deleghe ad Ama per la partecipazione ai Bandi Pnrr per gli impianti di trattamento della frazione organica e per quelli finalizzati al miglioramento della raccolta differenziata. Un lavoro che continuerà nelle prossime settimane con la messa a punto del piano industriale sui rifiuti della città di Roma. Parallelamente va avanti il percorso di riassetto dell’Azienda municipalizzata, in accordo con il nuovo management, che prevede una riorganizzazione su base municipale e che sarà pienamente operativa con il nuovo contratto di servizio”. Sul piano, ma soprattutto sul fronte degli impianti, arriva il plauso della Regione Lazio “Il piano di pulizia straordinaria della città ha conseguito risultati importanti, favorendo il miglioramento della raccolta degli scarti e la rimozione di numerose mini discariche abusive – ha commentato l’Assessore regionale ai Rifiuti, Massimiliano Valeriani – La Giunta capitolina ha dimostrato da subito grande attenzione e maggiore efficienza nel decoro urbano: ora però è fondamentale sostenere questo positivo impegno con la realizzazione di nuovi impianti per rendere Roma finalmente autosufficiente“.

Red

 

Previous articleCovid-19: i nuovi casi nel Lazio sono 2.497, il rapporto con i tamponi è al 4,1%
Next articleMarracash – Noi, loro, gli altri