Home Notizie Città Metropolitana

Roma, Coronavirus: stop ai concorsi pubblici nella Capitale

La misura è stata decisa dalla Sindaca Raggi dopo l’escalation dei contagi nelle regioni del Nord Italia

SHARE

ROMA – L’invito nella Capitale e nel Lazio è quello di evitare gli allarmismi. Già nella giornata di ieri la Sindaca Raggi ha postato su Facebook un messaggio per rassicurare i romani: “Nessun allarmismo ma piena fiducia nell’azione del Governo e della Protezione Civile nazionale. Il Coronavirus CoVid-19 si sconfigge con la collaborazione di tutti e con la calma. In questo momento rivolgo un ringraziamento a tutti i medici e infermieri al lavoro in tutta Italia. Un pensiero ai cittadini in prima linea in Lombardia e Veneto: siamo con voi. La compattezza delle Istituzioni è la risposta più efficace: l’Italia sta dando prova di essere una nazione unita e forte. La situazione tornerà alla normalità”. Dalla Regione Lazio è l’Assessore D’Amato a cercare di evitare gli allarmismi: “Abbiamo una delle migliori reti infettivologiche a livello nazionale che sta lavorando h24 per garantire la tutela della salute dei cittadini. Rivolgo un invito per abbassare i toni perchè vi è una pressione insostenibile sui medici e sulle strutture sanitarie”.

LO STOP AI CONCORSI

Intanto dalla giornata di oggi l’ordinanza firmata nel fine settimana dalla Sindaca ha bloccato tutte le prove selettive per i concorsi pubblici che si sarebbero svolte a Roma nei prossimi giorni. Una misura utile sia per limitare il contatto tra un grande numero di persone, oltre alla possibilità che molti candidati siano provenienti dalle regioni interessare dai provvedimenti per il contenimento dell’emergenza sanitaria.

ANALISI A DOMICILIO

Sul fronte del monitoraggio è in corso anche una procedura spiegata dall’Assessore D’Amato a margine della lettura del bollettino medico allo Spallanzani: “Abbiamo attivato con le Asl una procedura per chi è in sorveglianza epidemiologica, proviene da aree a rischio e presenta sintomi, per cui vengono effettuati tamponi a domicilio e portati allo Spallanzani per essere analizzati”.

Red