Home Rubriche City Tips

Roma: la Lega contro il ritorno al pagamento delle strisce blu

La richiesta in una mozione del 4 maggio: strisce blu gratuite fino a quando la Ztl resterà aperta

SHARE
strisce-blu generiche repertorio

ROMA – Il 4 maggio scorso i consiglieri della Lega in Campidoglio, Davide Bordoni e Maurizio Politi, hanno presentato una mozione per chiedere all’Amministrazione penta-stellata di rivedere la decisione sul pagamento delle strisce blu sul territorio capitolino. Con l’inizio della Fase 2 infatti, nonostante la Ztl romana sia stata lasciata aperta con i varchi ancora disattivi, gli stalli blu sono tornati a pagamento.

LA MOZIONE IN CAMPIDOGLIO SULLE STRISCE BLU

Le motivazioni alla base della mozione proposta dagli esponenti del Carroccio è quella di assicurare più possibilità di movimento ai romani che sono tornati a lavoro, soprattutto in vista delle difficoltà che potranno riscontrarsi con il contingentamento degli accessi sui mezzi pubblici. Nel testo si legge infatti che la richiesta, presto al voto in Aula Giulio Cesare, è quella di disporre “la proroga della sospensione della tariffazione per i posti auto, parallelamente alla sospensione delle Z.T.L., onde garantire il più idoneo soddisfacimento della domanda di mobilità dei cittadini in questa delicata fase dell’emergenza sanitaria in atto”.

LE CRITICHE DAI TERRITORI

Intanto anche dai territori non mancano le dichiarazioni in netta polemica con la scelta del Campidoglio. Infatti in una nota Daniele Catalano Coordinatore Lega Giovani Roma e Alessandra Costantini Coordinatrice Lega Giovani Municipio II e Delegata Comunicazione Lega Giovani Roma, parlano di una “misura del tutto assurda ed inadeguata in tale momento di crisi ed emergenza. Infatti al posto di essere al fianco dei tanti cittadini romani che hanno ripreso a lavorare – aggiungono – la Sindaca pensa a battere cassa e ad impiegare risorse lavorative di controllo in problematiche minori quali l’eventuale mancato pagamento di un ticket.

Red