Home Notizie Cronaca Roma

Roma, Ucraina: parte il lavoro della Task Force del Comune

Tra gli obiettivi, oltre al coordinamento degli aiuti, anche la gestione dell’accoglienza dei profughi ucraini

ROMA – Partono da oggi le attività della Task Force dedicata alla gestione dell’emergenza ucraina istituita dal Sindaco Gualtieri nei giorni scorsi. “Stiamo ricevendo moltissime segnalazioni attraverso i canali più disparati e questa sede operativa servirà da raccordo sia per le richieste di aiuto, che per le tante e diverse offerte di collaborazione – è quanto spiega l’assessora alle Politiche Sociali e alla Salute Barbara Funari – Attorno a questa Task Force costruiremo una risposta che sia il più possibile attenta e integrata e che dovrà adattarsi ogni giorno alle specifiche esigenze, per offrire anche un orientamento per l’accesso ai servizi“.

LA RETE DELL’ACCOGLIENZA

Per quanto riguarda l’accoglienza dei profughi ucraini anche i posti del circuito varranno ampliati, prediligendo spazi adatti ai nuclei familiari. Verranno utilizzate diverse modalità, tra le quali la disponibilità degli alberghi, l’aumento dell’offerta con 200 nuovi posti aggiuntivi del Sai “e la disponibilità – seguita l’assessora – di alloggi che stiamo già ricevendo dai singoli cittadini“. “Oggi è il momento di stringersi attorno a tutta la comunità ucraina di Roma e  aiutarla”, sottolinea l’assessora. Che conclude raccogliendo un invito delle associazioni: “Non insistere sul racconto delle singole storie di chi arriva, a tutela della loro privacy. Ma raccontare la solidarietà e le azioni concrete che la nostra città sta mettendo in campo”.

Ads

I CONTATTI

La sede, che raccoglie in un unico spazio il lavoro – al momento – di circa 30 associazioni,  risponderà al numero verde 800.93.88.73 e all’indirizzo e-mail emergenza.ucraina@comune.roma.it. Diversi i problemi affrontati, dall’ospitalità e dall’accoglienza diffusa alla mediazione linguistica.

Red

Previous articlePPP100 – Roma racconta Pasolini
Next articleRoma, Metro: sulla Linea A un treno vestito di giallo e blu