Home Rubriche City Tips

Roma: verso la Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla

Dalla Commissione Pari Opportunità: “Serve un percorso di sensibilizzazione sui disturbi del comportamento alimentare”

ROMA – Alimentazione e disturbi del comportamento alimentare. Sono questi i temi all’ordine del giorno della Commissione Pari Opportunità che si è riunita nel pomeriggio alla presenza dell’associazione “Mi nutro di vita”, una realtà che si occupa ad ampio spettro di una malattia che nel nostro Paese coinvolge ormai 3 milioni di persone, promuovendo una corretta informazione. “È sempre più urgente trattare questa malattia che in Italia conta circa 3.500 decessi all’anno. Sono numeri che non possono lasciare indifferenti perché chi ne soffre spesso non ha la forza di aprirsi e raccontare la propria esperienza e il proprio dolore” afferma Michela Cicculli, presidente della Commissione.

LA GIORNATA DEL FIOCCHETTO LILLA

Il prossimo 15 marzo anche l’amministrazione capitolina celebrerà la Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla, questo, secondo la consigliera Cicculli: “può rappresentare un’opportunità importante per dare vita a un progetto strutturato e accendere letteralmente un faro, anche con una campagna ad hoc, su una problematica che, soprattutto nel post pandemia, è cresciuta a livelli esponenziali colpendo le fasce più giovani della popolazione”.

Ads

UN PERCORSO CHE PARTE DALLE SCUOLE

La sensibilizzazione, come riportato in una nota diramata dalla presidente della Commissione, deve ripartire con un percorso di ascolto e sensibilizzazione a “sostegno a tutte le persone che lottano quotidianamente con questo disturbo così subdolo, a cominciare dalle scuole dove l’ascolto deve essere una delle leve principali per abbattere il pregiudizio e stimolare la condivisione. Come Istituzione di prossimità, dobbiamo favorire ogni iniziativa che possa contribuire alla prevenzione e alla promozione di una sana cultura del cibo”.

Red

Previous articleRoma: questa sera la fiaccolata per l’Ucraina
Next articlePonte di Ferro: contro la ciclabile chiusa arriva la petizione di Salvaiciclisti