Home Rubriche City Tips

Strade Pericolose a Roma: arriva la denuncia del Codacons

Sette le strade sotto accusa: via Cristoforo Colombo, via Laurentina, via Nomentana, via Tiburtina, via Cassia, via Olimpica e il lungomare di Ostia

ROMA – Le strade killer della capitale finiscono all’attenzione della Procura della Repubblica di Roma. Il Codacons ha raccolto infatti il grido d’allarme lanciato dal Corriere della sera che, attraverso una inchiesta condotta nella capitale, ha denunciato la pericolosità per automobilisti e motociclisti di alcune grandi strade romane. Inchiesta sfociata ora in 7 denunce in Procura per altrettante strade a rischio, denunce nelle quali il Codacons chiede a magistratura e Corte dei Conti di intervenire accertando le responsabilità di Roma Capitale e del sindaco Roberto Gualtieri.

LE STRADE INCRIMINATE

Tra le arterie finite dinanzi la Procura troviamo via Cristoforo Colombo, via Laurentina, via Nomentana, via Tiburtina, via Cassia, via Olimpica e il lungomare di Ostia, strade tra le più pericolose di Roma dove ogni giorno si registrano incidenti che, purtroppo, provocano una scia di sangue sull’asfalto con morti e feriti tra automobilisti, motociclisti e pedoni “Le pessime condizioni delle strade in tutto il territorio della capitale sono la conseguenza di un livello inadeguato di misure di controllo e manutenzione da parte delle istituzioni ed in particolare del comune di Roma e dei municipi – scrive il Codacons negli esposti – Nonostante il continuo peggioramento delle condizioni e l’aumento di incidenti non sono state attuate le misure per la gestione di tale insostenibile situazione e quelle che il Comune e i municipi sosterrebbero di avere cercato di porre in essere si sono rivelate totalmente inadeguate”.

Ads

LE DENUNCE

Il Codacons ha chiesto alla Procura di Roma di aprire una indagine sul livello di sicurezza delle 7 strade, accertando eventuali responsabilità o omissioni da parte delle istituzioni, di Roma Capitale e di coloro che, seppur deputati ad attività di controllo e vigilanza, omettono di intervenire e svolgere i compiti istituzionalmente assegnatigli, alla luce dei possibili reati di lesioni colpose, concorso in lesioni colpose, concorso in omicidio, abuso di ufficio, omissione in atti d’ufficio, omesso controllo e vigilanza, strage, attentato alla sicurezza dei trasporti, danno all’ambiente urbano, interruzione di pubblico servizio, violenza privata e danni alla salute dei cittadini. Allo stesso tempo alla Corte dei Conti del Lazio il Codacons ha chiesto invece di verificare l’effettiva utilizzazione dei fondi pubblici legati alla manutenzione stradale, al fine di fare chiarezza e trasparenza e quindi, colpire eventuali abusi che dovessero risultare perpetrati o sprechi di denaro pubblico a danno della collettività.

Red

Previous articleCasino per soldi reali: ecco le slot con il più alto RTP
Next articleSan Paolo: anche il Consiglio Comunale approva l’acquisto dell’ex rimessa Atac