Home Rubriche City Tips

Tiberis: il Campidoglio alla ricerca di sponsor per la spiaggia sul Tevere

Il lido di Ponte Marconi potrebbe riaprire già il 20 luglio, massima attenzione alle misure anti-Covid

SHARE

MARCONI – Si punta a battere il record (tutto negativo) dello scorso anno e ad aprire le porte di Tiberis, la spiaggia sulle rive del Tevere, già a partire dal 20 luglio prossimo. L’anno passato la spiaggia sotto Ponte Marconi, al confine tra Municipio VIII e XI, aveva accolto i romani soltanto due settimane più tardi, in pieno agosto.

LA RICERCA DEGLI SPONSOR

Il Campidoglio sembra non voler rinunciare alla spiaggia attrezzata nemmeno quest’anno e quindi si è partiti con la ricerca di sponsor privati per rendere più accogliente (e vantaggiosa per il Comune) l’esperienza della spiaggia Tiberis. Il Simu (Sviluppo infrastrutture e manutenzione urbana) ha infatti lanciato in questi giorni un avviso pubblico per la ricerca di sponsor.

LA NUOVA TIBERIS POST-COVID

Stando a quanto si apprende l’Asl avrebbe dato il parere positivo all’installazione degli impianti per la vaporizzazione dell’acqua, mentre verrà realizzata anche una cisterna per riutilizzarla nell’irrigazione della zona. Si punta naturalmente al rispetto delle regole di distanziamento, con tavoli e lettini ben separati e una guardiania per vigilare sugli eventuali assembramenti. Brutte notizie invece per gli amanti del beach volley, che quest’anno, proprio per andare incontro alle normative anti-Covid, verrà dedicato agli sport individuali, come i racchettoni. Inoltre nell’idea progettuale sarebbe anche stata prevista un’area cani.

LE CRITICHE

Non sono però mancate le critiche a questa iniziativa, in alcuni casi molto simili a quelle avanzate per le passate edizioni. In particolare è l’associazione ambientalista, Ecoitaliasolidale, a parlare di un progetto non sufficiente alla riqualificazione di quel tratto di riva: “Nulla di ciò che si ipotizzava nel progetto iniziale, come la possibilità di poter usufruire del medesimo spazio anche nei mesi invernali o la realizzazione di una piscina all’aperto – spiegano in una nota – Il  progetto del “Lido”, veramente minimale e di dubbia attrazione per i cittadini, considerando che siamo fra due quartieri ad alta densità di abitanti come Marconi e Magliana,  nelle precedenti edizioni è risultato realmente un flop per numero di presenze”.

Red