Home Rubriche City Tips

Trigoria, Campus Bio-Medico: inaugurato il nuovo Pronto Soccorso

La struttura apre oggi i battenti per un bacino di utenza di oltre 300mila persone nel quadrante Sud-Ovest della Capitale

SHARE

TRIGORIA –un bacino potenziale di oltre 300mila residenti. È questo il numero di persone che andrà a servire il nuovo Pronto Soccorso Policlinico universitario Campus Bio-Medico di Roma a Trigoria. La struttura di 2.100 metri quadrati è stata inaugurata questa mattina aprendo ufficialmente i battenti, il Dea di I livello è quindi a tutti gli effetti entrato in servizio per il quadrante Sud-Ovest della Capitale. “Il pronto soccorso che inauguriamo oggi vuole essere un luogo che accoglie, ascolta, comunica, si fa carico, assiste e cura – ha detto Paolo Sormani, direttore generale del Policlinico – Accanto ai 2.100 metri quadrati del pronto soccorso sicuro Covid Free, nel mese di luglio abbiamo costruito un percorso protetto Covid di 300 metri quadrati”. In esso ha trovato posto anche un pre-triage, valutazione, osservazione con 10 postazioni ed Holding Area Covid da 2 postazioni, per i pazienti positivi e che quindi dovranno essere trasferiti in un Covid Hospital.

AMPLIARE L’ASSISTENZA SANITARIA

Il Campus è stato aperto 26 anni fa, ma l’inaugurazione del PS non sembra rappresentare un traguardo, quanto invece un nuovo inizio: “Abbiamo concentrato molti sforzi in questo progetto, che consentirà al Campus Bio-Medico di offrire un’assistenza sanitaria ancora più ampia e pronta a rispondere alle esigenze di tutti, mettendo sempre in primo piano la centralità della persona, coerentemente con la mission che sin dalle origini abbiamo sempre cercato di portare avanti”, ha detto Felice Barela, presidente dell’Università Campus Bio-Medico di Roma.

IL NUOVO PRONTO SOCCORSO DI TRIGORIA

La nuova struttura d’emergenza fa parte della Asl Roma 2, andando ad accrescere l’offerta di sanità pubblica del quadrante Sud-Ovest di Roma, in particolare per quanto riguarda i quartieri dell’Eur, di Mostacciano, di Spinaceto e tutti gli insediamenti lungo la Laurentina e la Pontina. È inserito nelle reti tempo-dipendenti della Regione Lazio per assicurare cure tempestive per tutte le patologie e, in particolare, per quelle cerebro-vascolari acute (ictus), vascolari acute (aneurismi) e cardiopatie acute (infarti), oltre che per tutti i casi di traumatologia e di patologie chirurgiche acute. Con l’attivazione del nuovo Dea, il Policlinico universitario Campus Bio-Medico vede anche l’apertura di un nuovo reparto di medicina d’urgenza. A disposizione della struttura c’è anche una sala operatoria dedicata, assieme alla Radiologia interventistica e l’Emodinamica. Inoltre la tempestività di intervento è assicurata anche dalla presenza dell’eliporto a poche decine di metri dall’ingresso del PS.

I PERCORSI ‘FEBBRE’ E ‘ROSA’

Per garantire il massimo della sicurezza sono stati anche previsti due percorsi separati interni alla struttura. Si tratta di un “percorso febbre” per gestire gli accessi riducendo i rischi legati al Covid-19 e di “Box Rosa” dedicato alle donne vittime di violenza. Il triage nel PS potrà contare su sale di prima visita, accoglienza con area ristoro, monitor e display informativi insieme a spazi comodi e disegnati come piccoli salotti.

Red