Home Notizie Regione

Centri anziani: 3,5 milioni dalla Regione a contrasto dell’isolamento sociale

Riparte il “Progetto TE – Lazio per la Terza Età”

Closeup of elderly hands

SOCIALE – La Giunta Regionale ha approvato una delibera da 3,5 milioni di euro per il finanziamento del “Progetto TE – Lazio per la Terza Età”. Lo scopo è dare sostegno alle attività dei centri anziani, per incentivare il benessere psico-fisico della fascia di popolazione più adulta, contrastare l’isolamento sociale cui spesso questa è soggetta e promuovere il mantenimento dell’indipendenza e dell’autonomia il più a lungo possibile.

IL PROGETTO

Non è la prima volta che la Regione Lazio dedica risorse al progetto. La Pisana infatti, ha spiegato l’Assessore alle Politiche Sociali Welfare, Beni Comuni e ASP, Alessandra Troncarelliera già intervenuta nel 2018 e nel 2019 finanziando il ‘Progetto TE – Lazio per la Terza Età’”. Quest’anno, ha spiegato la Troncarelli, “abbiamo deciso di incrementare le risorse per sostenere la ripartenza dei centri anziani, dopo la necessaria chiusura dovuta all’emergenza sanitaria. La nostra volontà è quella di supportare queste strutture polivalenti perché rappresentano dei veri e propri luoghi di aggregazione e di propulsione alla vita sociale, culturale e ricreativa, consentendo alle persone più adulte di combattere la solitudine e favorendo il loro benessere psico-fisico”.

Ads

L’AVVISO PUBBLICO

Con questo intervento la Regione Lazio, vuole ribadire il suo impegno al fianco degli anzianivalorizzando il loro ruolo sia di soggetti attivi all’interno della società sia di beneficiari di prestazioni sociali” ha aggiunto l’Assessore. Attraverso i fondi che saranno messi a disposizione la Pisana, ha spiegato sempre Trocarelli, mira a promuovere l’invecchiamento attivo e il senso di appartenenza alla comunità, fornendo alla fascia di popolazione più anziana tutti gli strumenti per mantenere la propria indipendenza e autonomia, per il maggior tempo possibile, ha concluso Troncarelli. La Delibera prevede l’emissione di un avviso pubblico per la concessione dei contributi regionali. Potranno partecipare sia i Comuni e i Municipi di Roma Capitale titolari dei centri ma anche le APS (Associazioni di Promozione Sociale) che ne abbiano la gestione. L’obiettivo è finanziare proposte progettuali che abbiano come fine favorire la prevenzione e la tutela della salute degli anziani, in collaborazione con le aziende sanitarie del Lazio, ma anche l’orientamento ai servizi sociali e sanitari offerti sul territorio. Il progetto mira a sostenere gli interventi che puntano a contrastare l’emarginazione e l’isolamento della persona anziana e che ne favoriscano al contrario l’inclusione sociale, ma anche la formazione dei non più giovanissimi all’uso delle tecnologie informative. Il finanziamento mira inoltre a incentivare le attività ricreativo-culturali, come soggiorni e viaggi, la promozione di attività artigianali e di cura degli orti urbani, l’incontro intergenerazionale con le scuole al fine di favorire lo scambio esperienziale e culturale.
Il fondi che saranno messi a disposizione potranno essere impiegati anche per far fronte alle spese sostenute dai Centri anziani per la trasformazione in APS e per lavori di piccole manutenzioni, migliorie o acquisto di attrezzature e materiali vari, purché entro la misura massima del 50% del contributo richiesto.

Red

Previous articleCovid Lazio: 295 nuovi casi nelle ultime 24 ore
Next articleStorie di Microcredito di Roma Capitale: la mostra diventa itinerante