Home Cultura

Il Lazio celebra Dante con “A riveder le stelle”

Dal 25 marzo e per tutto il 2021 eventi, convegni e performance per celebrare i 700 anni dalla morte del sommo poeta

a riveder le stelle1

REGIONE LAZIO – È stato presentato oggi “A Riveder le Stelle”: un programma di eventi organizzati dalla Regione Lazio dedicati al Sommo Poeta che prenderanno il via con il “Dantedì” del 25 marzo (la giornata riconosciuta dagli studiosi come data d’inizio del viaggio della Divina Commedia) e, compatibilmente con le disposizioni dell’emergenza sanitaria, proseguiranno per tutto il 2021.

IL CALENDARIO DELLE INIZIATIVE

Il calendario delle iniziative è ricchissimo e disponibile sul sito della Regione Lazio. Per questa importante ricorrenza sono stati organizzati spettacoli, letture, conferenze, mostre, visite guidate, percorsi teatralizzati, osservazioni astronomiche, attività didattiche e artistiche per i più piccoli e tanto altro ancora per celebrare il padre della letteratura italiana e scoprire come la storia e l’arte del Poeta fiorentino abbiano incrociato luoghi e personaggi del Lazio.

Ads

“A RIVEDER LE STELLE”

L’intero calendario delle iniziative, che potrebbero variare anche in ottemperanza alle norme anti contagio, è disponibile online sul sito della Regione Lazio a questo indirizzo http://www.regione.lazio.it/rl/dante/. Sono stati organizzati eventi ed iniziative in vari luoghi della Regione, come il Castello di Santa Severa o le Grotte di Pastena, oltre che in molti parchi regionali, come la Riserva dei Simbruini o quella della Duchessa.

LA CASA DI DANTE A ROMA

Uno dei momenti culminanti delle celebrazioni dantesche sarà l’appuntamento dell’8 e 9 settembre a cura della Casa di Dante di Roma dove si terrà un focus sul padre della letteratura italiana con il contributo di prestigiosi relatori. La Casa di Dante ospiterà anche una mostra di manoscritti e stampe antiche, nonché altri cimeli danteschi, e un’esposizione di pubblicazioni realizzate in collaborazione con il Centro Pio Rajna. E ancora letture di testi e altre attività performative affidate ad attori e musicisti che hanno approfondito negli ultimi anni il rapporto con Dante, in grado di offrire una prospettiva quanto possibile completa della storia della ricezione del poeta e un esempio dell’attualità della sua presenza nella cultura contemporanea.

Red

Previous articlePreferenziale Portuense: prevista la fine dei lavori entro l’estate
Next articleFosse Ardeatine: nemmeno la pandemia ferma la memoria