Home Rubriche City Tips

In partenza le sanificazioni negli immobili dell’ATER

La Regione Lazio ha predisposto interventi per la sanificazione degli spazi comuni in tutti gli edifici del proprio patrimonio

SHARE

REGIONE LAZIO – Su indicazione della Regione Lazio, ATER Roma ha predisposto un nuovo piano di interventi che porteranno alla sanificazione anti Covid-19 degli spazi comuni e dei corpi scala in tutti gli edifici del proprio patrimonio.

IL PIANO DELLA REGIONE

Il piano, che replica quello effettuato nei mesi di aprile e maggio scorsi, prevede l’utilizzo di circa 8mila litri di specifico disinfettante nebulizzato su tutte le superfici orizzontali, cabine ascensore, ballatoi, vani scala, corrimano e maniglie. Interventi mirati sono già stati effettuati in lotti ATER dove sono stati segnalati casi di contagio nei quartieri di Ponte Mammolo, Casilino II, Spinaceto, Garbatella, Laurentino, Castel Giubileo, Pietralata e Tor Sapienza. Come nella prima fase, gli interventi partono dai complessi a più alta densità abitativa per poi coinvolgere tutti gli altri. Gli edifici trattati sono 500, i corpi scala sono 3.800 e l’utenza servita è di oltre 96 mila persone.

PREVENIRE E CONTENERE I RISCHI

L’intervento è stato richiesto dalla Regione Lazio direttamente all’Ater: “La Regione ha chiesto ad Ater di riavviare un profondo intervento di sanificazione degli spazi comuni negli immobili di edilizia residenziale pubblica con l’obiettivo di prevenire e contenere i rischi di contagio da Covid-19 – dichiara Massimiliano Valeriani, assessore alle Politiche abitative della Regione Lazio – Tutte le opere di sanificazione dovrebbero essere completate nell’arco di poche settimane: un impegno importante per contribuire al contrasto della pandemia e garantire maggiore sicurezza igienico sanitaria negli edifici Ater“. Andrea Napoletano direttore generale di ATER: “Nella nuova emergenza dovuta alla pandemia, a tutela dei propri inquilini, ATER replica gli interventi massivi di sanificazione negli stabili come già effettuato nella scorsa primavera – dichiara – siamo già partiti con interventi puntuali in edifici dove sono stati segnalati casi di contagio e proseguiremo fino a completamento su tutti gli altri”.

Red