Home Rubriche Go Green

Regione Lazio: arriva l’ok al Cammino naturale dei parchi

REGIONE LAZIO – La Giunta regionale del Lazio ha approvato una delibera contenente il tracciato e il logo del Cammino Naturale dei Parchi, un percorso naturalistico attraverso 10 aree protette.

COINVOLTE 10 AREE PROTETTE

Si tratta di un percorso naturalistico che interessa complessivamente ben 10 aree naturali protette, attraversandole direttamente per la gran parte e costeggiandole in alcuni casi, e che sono: i Parchi regionali Appia Antica, Castelli Romani, Monti Simbruini, Monti Lucretili; i Monumenti Naturali Valle delle Cannuccete, Torrente Rioscuro, Castegneto Prenestino; le Riserve regionale Monte Navegna e Monte Cervia e Montagne della Duchessa; e il  Parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga – spiega Roberta Lombardi, assessora alla Transizione Ecologica proponente della misura – Un tour nella bellezza dei nostri Parchi, da poter attraversare a piedi, o anche in mountain bike con un itinerario di 455 km divisi in 11 tappe, che oltre a donarci un’opportunità dall’alto valore esperienziale contribuirà, almeno questo è l’auspicio, ad accrescere nelle persone una cultura di apprezzamento e salvaguardia del nostro inestimabile Capitale Naturale, anche come veicolo di sviluppo sostenibile delle comunità locali”.

Ads

AUMENTA L’OFFERTA TURISTICA DEL LAZIO

L’approvazione in Giunta, insieme all’Assessore Roberta Lombardi, del percorso laziale del Cammino Naturale dei Parchi relativo al tratto da Roma ad Amatrice, completa l’identificazione dei Cammini riconosciuti dalla legge regionale 2/2017 ed implementa l’offerta turistica della Regione Lazio. Un importante traguardo per una piena mappatura degli itinerari naturalistici e turistici della nostra Regione, in un momento in cui stiamo lavorando su più direzioni per incentivare il turismo sostenibile, lento, outdoor. Il Cammino dei Parchi è un’infrastruttura sostenibile fondamentale per la riscoperta della bellezza di luoghi interni e borghi che sarà anche più facile percorrere grazie al logo che la identifica realizzato con tanta passione dagli enti gestori delle aree naturali protette coinvolte nel progetto” – dichiara l’Assessore al Turismo ed Enti locali, Valentina Corrado.

Red

Previous articleA Garbatella riapre il Parco Caduti del Mare, ma non completamente
Next articleCovid-19: anche l’AS Roma partecipa alla campagna vaccinale