Home Notizie Città Metropolitana

Rifiuti: istituita la Cabina di monitoraggio sul Piano Regionale

L'organo dovrà monitorare il raggiungimento degli obiettivi contenuti nella pianificazione 2019-2025

REGIONE LAZIO – Con la crisi del sistema rifiuti laziale ancora non del tutto sventata, dalla Regione Lazio danno la notizia dell’istituzione di una Cabina di monitoraggio sul Piano Rifiuti. Questa struttura avrà un ruolo fondamentale perché dovrà verificare che le indicazioni contenute nel Piano regionale vengano attuate, sollecitando gli interventi di enti locali e operatori del settore per garantire il corretto funzionamento del sistema dei rifiuti. Ognuno è chiamato a fare la propria parte per scongiurare il rischio di nuove emergenze, assicurando una gestione sostenibile ed efficiente in tutto il Lazio”, dichiara Massimiliano Valeriani, assessore regionale al Ciclo dei Rifiuti.

LA CABINA DI MONITORAGGIO

Nella giornata di ieri dalla Pisana è stata annunciata l’istituzione della Cabina di monitoraggio del Piano regionale di gestione dei rifiuti con l’obiettivo di controllare e verificare l’attuazione delle misure previste all’interno dello strumento di pianificazione 2019-2025. L’iniziativa, spiegano dalla Regione, è stata presa nella mattinata di ieri dal presidente Nicola Zingaretti, su proposta dell’assessore Massimiliano Valeriani. Il Governatore ha firmato il decreto di costituzione della nuova struttura regionale, nominandone contestualmente i componenti che rimarranno in carica fino alla formazione degli Enti di Governo d’Ambito.

Ads

I COMPONENTI DELLA CABINA DI MONITORAGGIO

Sempre dalla Regione è stata resa nota la composizione di questo organo di monitoraggio. Ne faranno parte il presidente della Regione e l’assessore al Ciclo dei rifiuti, i responsabili delle direzioni regionali Ciclo dei rifiuti e Capitale naturale, parchi e aree protette, insieme al sindaco della Città metropolitana di Roma e ai presidenti delle province di Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo. A margine è stato anche chiarito che per i componenti della Cabina di monitoraggio del Piano rifiuti, così come per eventuali soggetti esterni invitati a partecipare, non è previsto alcun compenso.

Red

Previous articleRoma: bocciata la sfiducia per l’assessore Calabrese
Next articleCostipazione può essere psico-emotivo?