Home Notizie Regione

Roma-Lido: una nuova interrogazione in Regione sulla Stazione ‘Giardino di Roma’

Da Fdi si torna a chiedere la partenza dei cantieri per questa stazione che potrebbe servire oltre 20mila cittadini

SHARE
Foto: fermatagiardinodiroma.it

ROMA-LIDO – Da oltre 15 anni i cittadini della zona attendono la realizzazione della Stazione ‘Giardino di Roma’ sulla linea Roma-Lido. Una struttura che sarebbe utilissima in un quadrante da oltre 20mila persone, molte delle quali pendolari e costrette a lunghi tragitti prima di raggiungere una stazione utile per raggiungere il centro di Roma.

LA REGIONE PROCEDA CON I CANTIERI

È il gruppo regionale e capitolino di Fdi a tornare su questa vicenda, chiedendo un’accelerazione dell’iter: “Adesso che la gestione è passata alla Regione Lazio è l’amministrazione Zingaretti che deve spiegare perché dopo oltre 15 anni di attesa, ancora non viene messa in opera questa infrastruttura – commentano Fabrizio Ghera capogruppo di Fdi alla Regione, Andrea de Priamo, capogruppo in Campidoglio  e Giancarlo Laino  del coordinamento di Fdi nel Municipio X – Zingaretti non ha più scuse, la stazione Giardino è prevista nel Piano Regolatore, è stata progettata e finanziata, grazie anche all’impegno di Fdi che ha presentato mozioni e interrogazioni sia in Assemblea Capitolina che in Aula alla Pisana, in sinergia con l’attività dei nostri consiglieri municipali e dirigenti territoriali”.

UNA NUOVA INTERROGAZIONE

Purtroppo nonostante l’opera sia attesa da tempo dai cittadini del quadrante e sia stata più volte attenzionata dalle forze politiche alla Pisana, dei cantieri nemmeno l’ombra. Così da Fdi vogliono tornare ad accendere i riflettori sulla vicenda: “Chiediamo con una interrogazione al Presidente e all’Assessore ai Trasporti di relazionare il Consiglio Regionale sullo stato dell’iter amministrativo e su eventuali cofinanziamenti della Regione, qualora le risorse da Roma Capitale stanziate non siano sufficienti, nonché su quali siano gli adempimenti ancora da completare”, concludono Ghera, De Priamo e Laino.

Red