Home Rubriche City Tips

Alla Garbatella arriva la Supernova di Jerico

La nuova opera dello street artist è un’esplosione di colori e forme

SHARE

GARBATELLA – È prevista per oggi alle 17 alla Villetta a Garbatella l’inaugurazione della nuova opera dello street artist Jerico realizzata in questi giorni in via Passino. L’opera si chiama ‘Supernova’ e nasce dal progetto ‘IN ART WE TRUST’ in collaborazione con La Villetta Social Lab e con la curatela di Marta Di Meglio – Up Urban ProspectiveFactory, Garbatella LocalzOnly e Join The Resistance.

SUPERNOVA

“L’evento nasce dalla partecipazione e vittoria al bando di Lazio Crea ‘Avviso concorrenziale per il sostegno per le attività di promozione culturale ed animazione territoriale’ da parte di due giovani ragazze della Garbatella insieme alle realtà partecipanti all’evento” spiegano gli organizzatori in una nota. E ancora: “Le pennellate e i colori scelti con attenzione restituiscono a chi osserva la complessità dell’opera: ‘La SuperNova. Novae o super Novae’ caratteristica intrinseca della materia, della sua necessità di espandersi, di liberare la propria energia. La materia muta in energia, usando le parole dell’artista: ogni cosa è multiforme e multicolore. Nella mia mente proietto l’allegoria di un orecchio che diventa fiore e di un petalo trasformatisi nel mio cielo”.

L’ARTISTA

Jerico, classe 1992 nato a Rosario nelle Isole Filippine si trasferisce a Roma a 10 anni. Frequenta il Liceo Artistico Caravaggio e si afferma molto giovane nella scena underground. Ad oggi sono vari i suoi murales sparsi nelle città d’Italia. Lo studio della figura umana e degli elementi naturali sono al centro della sua opera, le scelte stilistiche fondono i soggetti e le visioni emotive dell’artista. La Supernova è realizzata prima su tela e poi sulla superficie urbana con tecnica pittorica. “La grande sensibilità dell’artista – seguitano gli organizzato – emerge chiaramente dalla capacità di realizzare un’opera equilibrata con il contesto sociale e urbanistico di un quartiere storico e popolare come Garbatella, dove Jerico è cresciuto, rispettandone armoniosamente i colori e – conclude la nota – rispecchiandone l’anima nei toni caldi ed energici della sua tavolozza”.

Red