Home Rubriche City Tips

Riparte lo spettacolo dal vivo nella Capitale: al Pigneto torna l’intrattenimento vintage e retrò

Parte la nuova stagione dell'Ellington Club: spazi rimodulati per tutelare il distanziamento sociale ma show, concerti, burlesque show e stand up comedy

SHARE

PIGNETO – Dopo la chiusura forzata per il lockdown, un momento di crisi economica che stava facendo precipitare tutto e un crowfunding partito dal pubblico, l’Ellington Club è pronto a riaprire i battenti inaugurando la nuova stagione all’insegna di un intrattenimento che guarda indietro nel tempo, a base di musica dal vivo e performance dal gusto vintage.

LA NUOVA STAGIONE

Giovedì 1ottobre parte la nuova stagione del Club di Vera Dragone e Alessandro Casella nel cuore del Pigneto (via Anassimandro, 15), locale che nasce come vero e proprio omaggio a Duke Ellington – uno dei massimi compositori del ‘900 che ha influenzato tante generazioni di jazzisti – e a tutti quegli artisti immortali del secolo scorso. Ogni sera, infatti, il Club offrirà il suo palcoscenico a spettacoli dal vivo, live & drag show, concerti a tema, burlesque show e alla stand up comedy, la vera novità della stagione. La coppia Dragone-Casella, insieme nel lavoro e nella vita, da sempre promuove l’intrattenimento retrò con sonorità swing, rockabilly e musica dal vivo: lui veterano dell’intrattenimento delle notti romane, lei prima attrice dell’Ellington Club e direttrice artistica, che in occasione della riapertura, presenterà il calendario della stagione 2020/2021.

LA RIPRESA

“Abbiamo vissuto giorni lunghi e faticosi durante il lockdown – raccontano – anche perché credevamo di non avere più alcuna prospettiva di riapertura. Ma grazie alla passione per il nostro lavoro e al sostegno ricevuto dal pubblico attraverso il crowdfunding, oggi ritroviamo le forze per ripartire e continuare un sogno che si era bruscamente interrotto lo scorso 7 marzo”. Sono state la passione per l’arte e per il lavoro a guidare la realtà artistica del locale: “Sono convinta – spiega Vera Dragone – che il contenuto artistico sia quel motore propulsore capace di rendere viva la città di Roma orfana, negli ultimi mesi, di quell’offerta culturale a cui cittadini e turisti sono abituati. Ora non ci resta che guardare avanti, strizzando l’occhio al passato. Perché la riscoperta dell’arte e della bellezza sono quei valori che rendono l’uomo un essere umano, fatto di sorrisi, di voglia di divertirsi e di quella spensieratezza che un virus non può e non deve toglierci. Noi abbiamo deciso di riprendere in mano tutte queste emozioni che solo lo spettacolo sa donare, lo consideriamo un dovere morale”.

SPAZI RIMODULATI E DISTANZIAMENTO SOCIALE

Il Club riapre le sue porte dopo il lungo stop causato dalla pandemia e oggi è pronto a una ripartenza studiata nel rispetto delle normative anti-contagio. È per questo che sono state rimodulate le aree, dividendo i percorsi di ingresso e di uscita, garantendo spazi utili al pubblico per mantenere il giusto distanziamento, derubricando il ballo e prediligendo l’intrattenimento musicale e lo spettacolo dal vivo. Ai tavoli sarà possibile accedervi solo su prenotazione, con mascherina e dopo il consueto controllo della temperatura e l’utilizzo di gel antibatterico. Cambiano anche gli orari di attività, con l’anticipo alle 18 dell’orario di apertura e l’aperitivo servito fino alle 20. “Stiamo seguendo in maniera scrupolosa tutte le normative vigenti e tutti gli accorgimenti anti-contagio forniti dal governo, affinché il nostro pubblico possa sentirsi al sicuro ma allo stesso tempo godere di quelle atmosfere che solo l’Ellington rende possibili. In pratica: sarà possibile fare un tuffo nel passato in totale sicurezza”, aggiunge Alessandro Casella, già alla guida del Micca Club, secondo cui “l’intrattenimento retrò fa dimenticare il presente e dà una speranza per il futuro, perché in fondo spettacolo e divertimento aiutano a vivere meglio”.

GLI APPUNTAMENTI

Ogni giorno, dal mercoledì al sabato dalle 18 alle 20, si terrà “Il Club dell’Aperitivo” con l’accompagnamento musicale in vinile con genere soundtracks, tra bossanova, modern jazz ed easy listening. La domenica, invece, spazio al “Brunch dell’Ellington” servito sotto la suggestiva luce naturale del locale; in questa occasione sarà allestito un servizio ispirato al Sunday Roast dei pub inglesi, ma con un occhio di riguardo ai prodotti tipici del made in Italy, accompagnato da dischi d’epoca a 78 giri. A inaugurare il ciclo dei brunch domenicali sarà Mr. Stereotto. Il mercoledì, invece, andrà in scena la “J’am Stand Up Night”, durante la quale si alterneranno i personaggi più in voga del momento. Il primo appuntamento sarà il prossimo 7 ottobre con Lillo Petrolo, ospite d’eccezione, che dedicherà alla ripartenza del Club un pensiero speciale. A seguire si esibirà anche la compagnia “Ma questa non è stand up comedy”, capitanata da Luca Di Prospero, Xhuliano Dule e Francesca Esposito. Nelle successive settimane ci saranno Emiliano Luccisano, Paola Michelini, Giulia Nervi, Daniele Gattano, fino al veterano Saverio Raimondo. Dal mercoledì al sabato, in seconda serata, spazio al late show “Non Sparate sul Pianista”: concerti e incursioni artistico-musicali che proseguiranno fino a tarda notte con ospiti a sorpresa, dal jazz al burlesque. Ogni giovedì “Jazzville”: serate dedicate al grande jazz italiano con jazzisti del calibro di Emanuele Urso, Luca Filastro, Sweet Georgia Brown, il manouche di Miraldo Vidal. Come da tradizione, poi, nel weekend tornerà il burlesque: i venerdì e i sabato sera saranno all’insegna dei tease di Candy Rose, Giuditta Sin, la new entry Ginevra Joyce e tante altre performer che si alterneranno nell’arco di tutta la stagione. Tra le novità di quets’anno H.E.R., prima cantautrice e violinista ad aver compiuto un percorso di transizione sessuale che grazie al suo indiscusso talento ha collaborato con alcuni “mostri sacri” della musica come Morrisey e Franco Battiato. Altra novità quella degli appuntamenti con le Karma B e la compagnia di teatro urbano Ondadurto Teatro, che darà vita al nuovo show dal titolo “Cabarect”, in scena il 30 e 31 ottobre. “Siamo fieri della nostra programmazione artistica – spiega la Dragone – che mixa una proposta artistica più giovane a una più abituata ai riflettori del varietà. Siamo onorati di avere sul nostro palco tanti artisti pronti a condividere con noi l’emozione della ripartenza”.

Red