Home Rubriche Sport locale

All’asta per solidarietà le maglie di Ronaldo, Totti, Dybala, Immobile e la racchetta di Djokovic

L'iniziativa di beneficenza, organizzata da OPES, si è tenuta a Palazzo Brancaccio a Roma. Tutto il ricavato sarà devoluto a quattro organizzazioni benefiche che promuovono le attività sportive in favore di giovani svantaggiati

ROMA – Ancora una volta lo sport scende in campo per la solidarietà. Ieri sera, nella cornice romana di Palazzo Brancaccio, si è tenuta la quarta edizione del “Gala dello Sport”, organizzato dalla Rete Nazionale di Terzo Settore e Ente di Promozione Sportiva OPES. Nel corso della serata si è svolta l’asta benefica “Lo sport per tutti, tutti per lo sport” il cui ricavato è stato interamente destinato a quattro progetti sociali promossi da onlus, associazioni e fondazioni – “Adotta un atleta”-Sermig; “Zona luce”-Fondazione Scholas Occurrentes; “1 Caffè ONLUS” e “A scuola di sci grazie al dual ski”-Nord Ovest-No Limits Onlus; “Stella Azzurra Summer Camp”-ASD Stella Azzurra – che lavorano per permettere a giovani che si trovano in situazioni difficili o di svantaggio di avere accesso alla pratica sportiva o di iniziare un percorso formativo e di inserimento all’interno della società grazie allo sport.

L’ASTA

All’asta sono stati battuti otto cimeli appartenuti alle stelle dello sport italiano e internazionale: la maglia numero 7 della Juventus autografata da Cristiano Ronaldo; la racchetta di Novak Djokovic, utilizzata dal Campione serbo alle ATP Finals 2021 di Torino; la maglia della Totti Weese, autografata dall’ex capitano giallorosso, Francesco Totti; la maglia della AS Roma autografata da Paulo Dybala; la maglia della SS Lazio autografata da Ciro Immobile; la maglia del Milan autografata da Alessandro Florenzi; i guantoni da box autografati dal campione Emanuele Blandamura; il pallone della finale di Champions League 2016, autografato dal freestyler Dario Piantadosi.

Ads

OPES E LA PROMOZIONE SPORTIVA

Seguendo il leitmotiv dell’evento e dell’impegno che OPES porta avanti per garantire la promozione sportiva e solidale nella società, il padrone di casa Juri Morico, Presidente nazionale di OPES, ha plaudito al via libera dato qualche giorno fa dal Senato che ha approvato il disegno di legge costituzionale per inserire lo sport tra i diritti costituzionalmente riconosciuti, perché “lo sport – ha spiegato Morico – oltre a essere un diritto è anche un dovere, è ed un dovere di chi sta ai vertici far sì che venga garantito a tutti”. È intervenuto, poi, il Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, che, sottolineando il ruolo dell’Italia come superpotenza della qualità, ha messo l’accento sul rapporto tra alimentazione e sport, un tema che sarà al centro dell’agenda 2023 e delle progettualità di OPES. Ha portato il suo saluto, nel corso della serata, anche il ministro per lo Sport e le Politiche Giovanili, Andrea Abodi: il Ministro ha assicurato che “lo sport, un valore universale, sarà al centro dell’agenda di Governo” e ha sottolineato l’importanza di “rafforzare e sostenere le associazioni sportive per garantirne la crescita e la ripartenza dopo gli anni bui della pandemia”. Felice di essere presente e di vedere i progressi compiuti dall’Ente, anche la Viceministro del Lavoro e delle Politiche sociali, On. Maria Teresa Bellucci, che ha evidenziato come OPES sia diventato un modello di sport e solidarietà sociale. L’On. Marco Perissa, parlamentare di Fratelli d’Italia, ha affermato quanto sia fondamentale il lavoro di OPES e del suo Presidente Juri Morico per il tessuto connettivo del Paese.

Sono intervenuti anche Silvia Salis, vicepresidente vicario del CONI, la quale, portando i saluti del presidente Giovanni Malagò, ha ringraziato OPES che da tanti anni genera valore dando l’opportunità ai giovani di mostrare il proprio talento e la propria competenza; il vicepresidente del Comitato Paralimpico, Juri Stara, che ha affermato l’importanza degli enti di promozione sociale e sportiva perché creano valore nella società; Vito Cozzoli, presidente di ‘Sport e Salute’, che ha ribadito l’importanza della progettualità di tutti quegli Enti che, come OPES, mettono al centro le società sportive che rappresentano l’ossatura sociale e civile del Paese e che fanno crescere lo sport non solo come pratica sportiva ma anche dando un contributo di valore alla comunità.

IL GALA DELLO SPORT

Presenti al Gala dello Sport di OPES anche l’Assessore ai Grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda di Roma Capitale, Alessandro Onorato, il Sottosegretario di Stato al Ministero dell’ambiente e della sicurezza energetica, Claudio Barbaro, la Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Università e della ricerca, Augusta Montarulli, e numerose personalità ed autorità del mondo accademico, dello sport e del terzo settore. Nel corso della serata sono stati consegnati dei riconoscimenti “per essersi distinti per meriti sportivi, umani, culturali e sociali” a Elena Pantaleo, Consigliere Nazionale del CONI e campionessa mondiale di Kickboxing; alla vice presidente del CONI, Silvia Salis; alla ASD Stella Azzurra del presidente Fabrizio Loffreda; alla 1 Caffè Onlus con il suo direttore generale Silvia Meacci; alla Fondazione Scholas Occurrentes con il suo coordinatore internazionale Mario Del Verme; al Servizio Missionario Sermig, rappresentato Giovanni Ferrero, direttore della CPD – Consulta per le Persone in Difficoltà.

Redazione

Previous articleDiabolik – Ginko all’attacco!
Next articleScuola De Andrè: al suo interno un ospedale di prossimità