Home Cultura Cinema

Il piccolo principe

SHARE
cinema 132 - il piccolo principe

Un lavoro essenziale e ben visibile agli occhi

“L’essenziale è invisibile agli occhi”. No. Per una volta proprio no. Smentiamo categoricamente Antoine de Saint-Exupéry e scriviamolo con convinzione: “Il piccolo principe” è essenziale ed è ben visibile agli occhi, anzi deve essere visto e gustato da tutti, grandi, piccini e anziani inclusi. Presentato e acclamato ai festival del cinema di Cannes e Roma, il lavoro di Mark Osborne, già regista di “Kung Fu Panda”, arriva finalmente sul grande schermo. La rilettura, guidata dalla sapiente mano della sceneggiatrice Irena Brignull, conferisce alla pellicola un’aura di ingenuo incanto che non stravolge l’impianto del racconto dello scrittore e aviatore francese ma ne valorizza l’aspetto magico e pedagogico, reso graficamente da un’animazione stupefacente dalla forte carica immaginativa. Nota particolare per i nomi illustri arruolati per il doppiaggio in italiano: tra questi, Paola Cortellesi, Stefano Accorsi, Micaela Ramazzotti, Toni Servillo, Alessandro Gassman, Alessandro Siani, Giuseppe Battiston, Pif e Angelo Pintus.

Regia: Mark Osborne
Sceneggiatura: Irena Brignull

(FRA 2015)

Simone Dell’Unto