Home Cultura Cinema

Isola del Cinema: Il documentario come racconto di vita

SHARE

A partire da stasera, venerdì 13 luglio, si inaugura la rassegna di documentari condotta da Beppe Attene che presenterà un ciclo di sei incontri il 13, 20 e 31 luglio, per proseguire poi il 4, 6 e 7 agosto, allo Schermo Tevere, sull’Isola Tiberina, ore 21.45. Ecco il calendario degli eventi in un comunicato che pubblichiamo.

 

 

L’appuntamento propone incontri, dibattiti e proiezioni attorno al tema del documentario italiano. Sei appuntamenti su argomenti e visoni diverse, per conoscere attraverso il documentario, le realtà che ci circondano.
In un’ottica di promozione del genere documentario, L’Isola del Cinema offre la possibilità, a coloro che seguiranno almeno uno degli appuntamenti in programma, di ricevere un coupon 2×1, per l’ingresso alle proiezioni in Arena.

Di seguito il calendario degli incontri:

Venerdì 13 luglio ore 21.45

Il mestiere più antico del mondo
Una serata dedicata una questione importante: il mestiere più antico del mondo, attraverso la proiezione di due documentari che trattano lo stesso argomento a distanza di anni e di migliaia di chilometri: “Case Chiuse” di Filippo Soldi e “Bad Weather” di Giovanni Giommi. I registi saranno ospiti della serata.

Venerdì 20 luglio ore 21.45

L’amore in prossimità della fine
Una storia trasteverina che da anni appassiona ed è seguita dall’intero quartiere. La passione non conosce età; “Antonio+Silvana=2” di Vanni Gandolfo, Simone Aleandri, Luca Onorati. Presenti in sala i protagonisti, Vanni Gandolfo e Lunetta Savino.

Venerdì 31 luglio ore 21.45

Corporeità, potere, sesso, amore e odio nella politica contemporanea
“Il Corpo del Duce” di Fabrizio Laurenti, liberamente tratto dal libro di Sergio Luzzatto. Il documentario, frutto di un montaggio di materiali tratti dall’archivio dell’Istituto Luce, è una riflessione sulla funzione del corpo come linguaggio, usato nell’esercizio del potere e del carisma personale e, come lo stesso corpo sia stato usato e vilipeso nella tetra cerimonia della profanazione del cadavere. Il regista sarà ospite in sala.

Sabato 4 agosto ore 21.45

Un documentario che non vi faranno vedere in TV
“Polvere. Il Grande Processo dell’Amianto ” di Niccolò Bruna e Andrea Prandstraller. Protagonista del film, il processo Eternit seguito giorno dopo giorno, ma anche e soprattutto il muto scenario internazionale di catastrofe silenziosa.

Martedi 7 agosto ore 21.45

Nemo propheta in patria
“L’importanza di essere scomodo” di Andrea Bettinetti. Vita e sfortune di Gualtiero Jacopetti, un regista di successo diverso dagli altri, eccentrico, controcorrente, visionario, tacciato dalla critica di razzismo e fascismo. Testimone d’eccezione della storia politica, sociale e culturale italiana dallo scoppio della seconda guerra mondiale fino ai controversi anni ‘70. Il documentario racconta la vita del regista sullo sfondo degli eventi della società italiana, di cui è stato spesso protagonista.

Lunedi 6 agosto ore 21.45

Sognavamo di cambiare il mondo, ma il mondo ha cambiato noi
“Beat Parade” di Corrado e Luigi Rizza. Nel 1965 in Italia i primi conflitti e le prime proteste dei giovani trovano grande riscontro nelle riviste dedicate a i teenager. Nel febbraio dello stesso anno a Roma apre il Piper Club che subito diventa il cuore del cosiddetto movimento beat. Ragazze in minigonna e cinturoni, ragazzi con stivali a punta e pettinature che si rifanno a quelle dei Beatles. Sono gli anni in cui si parla di sesso libero, pillola e aborto legalizzato.


Per info:

www.isoladelcinema.com
Facebook: Isola del Cinema
Twitter: Isola del Cinema