Home Municipi Municipio IX

Municipio IX: si allarga la rete del Controllo del Vicinato

SHARE
Controllo-del-Vicinato

Sempre più quartieri guardano con interesse all’iniziativa

L’INIZIATIVA – Da tre mesi nelle periferie più esterne del Municipio IX si porta avanti il progetto del ‘Controllo del vicinato’. “Si tratta di un sodalizio tra cittadini per fare osservazione e inviare segnalazioni alle forze dell’ordine – spiega il criminologo Francesco Caccetta, responsabile ACdV (associazione Controllo del Vicinato) per l’Italia centrale – Sono bandite ronde e interventi diretti, perché un testimone qualificato è meglio di una vittima. Anche se ci si ritrova in gruppo, mai prendere iniziative rischiose”. Il Controllo del vicinato, o meglio il Neighbourhood Watch, nasce tra gli anni ’60 e ’70 negli USA, e viene adottato da decenni in molte città americane ed europee, con circa 10 milioni di aderenti.

COME FUNZIONA – Il sistema è semplice e nel caso romano si sta avvalendo di una chat di Whatsapp dedicata alla condivisione di informazioni su quanto sta avvenendo nel quartiere, per mettere assieme tutti gli elementi utili a segnalare un comportamento anomalo o un crimine agli organi di Polizia. A questo si arriva dopo un percorso di formazione, una serie di incontri che vengono ripetuti ogni due mesi e l’adesione formale all’Associazione Controllo del Vicinato. Si costituisce quindi un coordinamento di zona, che consegnerà ai cittadini un vademecum con tutti i consigli sulla sicurezza.

LA DIFFUSIONE – Monte migliore, Strampelli, Selvotta, Colle dei Pini, Schizzanello, Falcognana, Trigoria Alta, Castel di Leva, Fonte Laurentina, Canestrini-Porta Medaglia hanno già aderito e giovedi prossimo, presso il centro polivalente di Via Nardo, sarà la volta di Molino Santa Felicola. “Prevenzione, attraverso il ridimensionamento delle vulnerabilità delle abitazioni, e controllo del territorio da parte dei cittadini, anche attraverso i social network ed in particolare whats app, sono i punti cardine del progetto – spiegano Stefano Leprini e Massimiliano De Juliis, responsabili rispettivamente per ACdV Roma Sud quadrante Laurentina e ACdV Roma Sud Ardeatina – il progetto non prevede né ronde né guerrieri della notte ma persone attive e responsabili che riducono le vulnerabilità delle proprie abitazioni, che sono in contatto tra loro e che collaborano con le forze dell’ordine”.

I PRIMI RISULTATI – Mentre questa esperienza si allarga, sono molti i quartieri anche non immediatamente periferici che si stanno interessando, ci sono già stati dei risultati interessanti. Diversi furti sono stati infatti sventati grazie alle segnalazioni tempestive dei cittadini di Falcognana e di Selvotta.

LeMan