Home Municipi Municipio VIII

Grandi opere Ostiense: Air Terminal e Cavalcaferrovia pronti a giugno

SHARE

Eataly e Ntv operativi entro giugno. Continuano le polemiche tra Municipio e Comune per la realizzazione della ciclabile sul ponte, che è pronto, ma chiuso, da 3 mesi.

Entro l’estate dovrebbero essere finalmente pronte le prime grandi opere di Ostiense. Parliamo del Cavalcaferrovia, che collegherà Ostiense a Garbatella scavalcando i binari della metro B e della Roma-Lido, e della riqualificazione dell’Air Terminal, che dopo anni di attesa e cantieri bloccati, stanno finalmente per essere consegnati ai cittadini, ma non senza polemiche. Il Dipartimento dei Lavori Pubblici di Roma Capitale fa sapere in una nota che per il cavalcaferrovia la data di apertura ancora non è stata ufficializzata, ma sembra essere davvero imminente, come ci confermano: “L’opera verrà consegnata ai cittadini entro il mese di giugno, tutto è pronto dal punto di vista strutturale, e sono in fase conclusiva anche le modifiche richieste dal Municipio e dal Dipartimento di Mobilità per la canalizzazione del traffico”. Questione di giorni dunque per vedere il Cavalcaferrovia attivo, dopo che per 3 mesi si è assistito a un patetico rimando continuo sulla data di apertura, nonostante l’opera fosse conclusa. Ma è previsto un breve periodo di sperimentazione, come ci spiega il Vicepresidente e Assessore ai Lavori Pubblici del Municipio XI, Alberto Attanasio: “Sarà necessario per capire gli effetti che avrà sulla circolazione, e come Municipio abbiamo suggerito che ciò avvenga dopo la chiusura delle scuole, in modo da poter avere una più facile adattabilità dei flussi viari”.

Sulla questione non sono mancate, però, alcune polemiche sollevate da parte di associazioni di ciclisti e dal Municipio stesso, per la mancata approvazione da parte del Consiglio Comunale, nello scorso aprile, dell’emendamento al Piano locale della ciclabilità, proposto dal Consigliere Valeriani, riguardante l’inserimento della pista ciclabile sulla circ.ne Ostiense. La mancanza dello spazio necessario a realizzare l’intervento sul ponte del Cavalcaferrovia è stata una delle cause della bocciatura, aspramente criticata dal Municipio: “Per questa grande opera, che sarà molto importante per l’intera zona, si sono spesi diversi milioni di euro ma è molto grave che non sia dotata di pista ciclabile, perché riteniamo che in ogni nuova opera si dovrebbe favorire la mobilità sostenibile”, ha chiosato Attanasio. Tuttavia il Capogruppo Pdl al Municipio XI, Simone Foglio sottolinea l’importanza delle operazioni: “Con la Giunta di centro-destra Ostiense è tornata ad essere al centro delle attenzioni dell’Amministrazione comunale, infatti a breve vedremo realizzata la riqualificazione dell’Air Terminal e consegnato il Cavalcaferrovia, un importante risultato atteso da tanto tempo dai cittadini della zona, che dopo anni di presa in giro da parte delle amministrazioni precedenti, finalmente oggi trovano risposte concrete alle loro esigenze”.

Ma il presidente Andrea Catarci incalza e ad inizio giugno rende noto: “Dopo le proteste mosse dal Municipio XI e dalle associazioni di ciclisti, arriva il via libera dalla conferenza di servizi per la realizzazione di una pista ciclabile su entrambi i sensi di marcia del cavalcaferrovia Ostiense. Il Municipio Roma XI – spiega – intende proseguire nel potenziamento della rete ciclabile del territorio, realizzando con fondi propri una pista sulla circ.ne Ostiense, per unire l’asse della Cristoforo Colombo, attraverso l’importante via commerciale, alla zona dell’Università Roma 3 e alla metropolitana. A questo progetto si è opposto il Pdl, impedendo di inserire la strada nel piano della ciclabilità, ma noi – conclude Catarci – la realizzeremo lo stesso”.

Oltre che per il Cavalcaferrovia, anche per l’Air Terminal il mese di giugno rappresenterà un momento di svolta, considerato che dal 14 giugno sarà operativo il servizio ferroviario di NTV, con passaggio e stazionamento nella rinnovata struttura, per la dorsale Napoli-Milano, ed entro la fine del mese è prevista l’apertura del colosso alimentare Eataly, che con i suoi prodotti e le sue attività, da alcuni anni promuove le eccellenze alimentari Made in Italy nel mondo, ma che alcuni mesi fa aveva subito un brusco stop ai lavori a causa della mancanza della pratica di sanatoria per la trasformazione di una porzione di area inizialmente dedicata ai servizi ferroviari, in servizi commerciali. “Si sono risolte le questioni legate ai permessi e alle autorizzazioni, e i lavori in poco tempo sono ripresi”, rendono noto dall’Ufficio Stampa di Eataly, ed a proposito del significato nei messaggi pubblicitari dell’azienda, diffusi nelle ultime settimane, dove tra le indicazioni delle diverse sedi nel mondo era riportata la parola “forse” accanto allo store di Roma, Maria Stitella, ufficio stampa di Eataly per la sede romana, ci spiega: “È da interpretare come un gioco, in realtà apriremo al pubblico entro la fine di giugno, probabilmente il 21 ma potrebbe anche essere prima, il nostro insediamento prosegue e siamo pronti a partire”. La conferma che la situazione è stata sbloccata arriva anche da Attanasio: “Siamo soddisfatti perché il tutto è stato possibile grazie ad una collaborazione a 360° di tutti gli attori istituzionali ed imprenditoriali coinvolti, e con il permesso a costruire in sanatoria rilasciato dall’Ufficio Condono Edilizio di Roma Capitale, e il pagamento di una consistente sanzione da parte dell’azienda realizzatrice: ora questo importante progetto di rilancio e riqualificazione della struttura si sta realizzando”. La sanzione che dovrebbe rimpinguare le casse del Municipio sarebbe di circa un milione di euro, dovuti alla irregolarità delle pratiche e alle difformità rilevate. Il piano di riqualificazione di Ostiense comincia quindi a prendere forma con la consegna di queste importanti opere, e il periodo estivo potrebbe essere utile a capire come le stesse si inseriranno nel tessuto urbano della zona.

Michela Romoli