Home Notizie Cronaca Roma

Colosseo: paura tra i turisti

SHARE
fori aggressione

Con un coltello mette in fuga i passanti, poi minaccia una ragazza

Sono stati momenti di panico quelli vissuti questo pomeriggio da turisti e romani in via dei Fori Imperiali in prossimità della Metro Colosseo. Da quanto si apprende dalle prime ricostruzioni d’agenzia un uomo, un senza fisa dimora di origine brasiliana armato di coltello, dopo aver seminato il panico tra i passanti, avrebbe puntato l’arma alla gola di una ragazza italiana urlando ‘Mi manda Dio’.

Immediato l’intervento degli uomini della Gssu della Polizia Locale di Roma Capitale. Dopo aver liberato la ragazza sono partiti all’inseguimento, riuscendo a fermare l’uomo nell’ultimo tratto di via dei Fori Imperiali. La posizione dell’assalitore al momento è al vaglio per le accuse di tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale.

 “Erano le 15,40 quando l’uomo, giovane e alto di pelle scura, ha iniziato a creare panico tra la folla a via dei Fori Imperiali, nel tratto tra il Colosseo e L.go Corrado Ricci – scrive in una nota la Polizia Locale di Roma Capitale – Gli agenti del gruppo Trevi, arrivati immediatamente sul posto con tre auto, hanno dapprima cercato di bloccarlo ma, aiutato dalla balaustra pedonale, è riuscito a scappare tra i turisti. Ne è nato un lungo inseguimento a piedi lungo via dei Fori Imperiali, fino a S. Giuseppe dei Falegnami, in quel punto l’uomo ha preso in ostaggio una turista italiana di 27 anni e puntandole il coltello alla gola si è fatto scudo di lei per far allontanare i vigili, che gli intimavano di lasciarla con le pistole in mano. Attimi di terrore che sono durati alcuni secondi, quando il fuggitivo ha lasciato la ragazza ed è scappato verso Piazza Venezia, inseguito anche dagli uomini del gruppo GSSU sempre sella Polizia di Roma Capitale. La grande quantità di turisti che scappavano da tutte le parti ha impedito ai vigili di rincorrerlo con le auto, perchè il rischio di investire qualcuno era alto. Finalmente – prosegue la nota – a piazza Venezia, all’altezza del Sacrario delle Bandiere, due degli agenti del GSSU, aiutati anche dalla facilità nel movimento dalle loro motociclette, lo hanno placcato e disarmato, nonostante scalciasse furiosamente anche a terra. L’uomo è stato subito condotto in cella di sicurezza presso il comando Trevi, che sta gestendo le indagini. Attualmente è al Fatebenefratelli per controlli medici – concludono – sono in corso le verifiche di identità dell’uomo, che si è dichiarato agli agenti di nazionalità brasiliana, e un’età di 32 anni”.