Home Notizie Cronaca Roma

Dal Comune nuova ordinanza anti-bivacco

SHARE

Il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha emanato oggi pomeriggio un’ordinanza contro il “bivacco” in strada, valida fino al 31 dicembre.


L’ordinanza dal titolo “Disposizioni urgenti per garantire la tutela delle aree di pregio del centro storico” avrà i suoi effetti fino al 31 dicembre 2012 in tutte quelle aree ritenute di particolare pregio storico, architettonico, artistico e culturale comprese all’interno della Città Storica di Roma. Sarà quindi vietato bivaccare, sistemare giacigli e sostare per il consumo di cibi e bevande. Le multe, nei casi più gravi, saranno davvero salate. Previste infatti sanzioni dai 25 ai 500 euro, ai sensi dell’articolo 7bis del D. Lgs. 267/2000.

Fabrizio Santori, Presidente della Commissione Sicurezza di Roma Capitale, si chiede in una nota quali saranno i provvedimenti per le zone periferiche della città: “Ci auguriamo che l’ordinanza anti bivacco rinnovata oggi dal sindaco Gianni Alemanno sia solo il primo passo verso il rinnovo di altri provvedimenti scaduti il 30 settembre. Solo con un assiduo controllo e la possibilità di elevare congrue sanzioni sarà possibile fermare l’infelice abitudine di sistemarsi ai piedi dei monumenti o sulle scalinate a consumare cibi e bevande oppure direttamente a dormire. Ma Roma non è solo il centro, e deve essere interamente salvaguardata. Ci chiediamo quali provvedimenti emessi e concretamente applicati siano stati rivolti alle periferie. E’ necessario fare il punto della situazione generale sulla sicurezza in città e non abbassare la guardia in nessun quartiere, perché si comprenda che a Roma certi comportamenti non sono più tollerati. Servono scelte coraggiose per cancellare la rassegnazione al degrado che è troppo spesso una costante in molte aree periferiche della città. Maggiori attenzioni e interventi risolutivi sono necessari, cominciando innanzitutto dalla distribuzione degli operatori delle forze di polizia, che appare attualmente ancora sproporzionata tra centro e periferie”.

Serena Savelli