Home Rubriche Food & Beverage

Cestini croccanti di pasta fillo con mousse di tonno

SHARE

Siamo praticamente a Carnevale, è ora di frappe e castagnole e ancora devo raccontarvi del mio menù della cena di Capodanno. I prossimi mesi saranno così… un po’ sfasati. 

La preparazione della tesi mi porterà via parecchio “tempo libero”… termine comunque abbastanza sconosciuto! Approfitto di questo minuto di buco per raccontarvi almeno dei due antipasti preparati per l’occasione. La premessa è che questo Capodanno è stato segnato da un evento di portata epocale: Ironman ha deciso di non lavorare come ha praticamente sempre fatto e fino all’ultimo sembrava che avremmo passato una serata tranquilla in solitaria. Notoriamente mondiani gli IronOrsi.

Intorno alle 23:30 del 30 dicembre giunge proposta di cena collettiva da IronCugino-colpodellastregamunito e da due magiamente diventiamo sei. 

Come per ogni cena di gruppo e a differenza di amiche che ho che si sobbarcano infinite fatiche domestiche per sfamare combriccole quasi auto-invitatesi, si pazza ce l’ho con te! Io non mi faccio nessuno scrupolo a chiedere di ripartire lo sforzo, lo abbiamo sempre fatto, non mi sembra ci sia niente di grave e ci permette di passare tante belle serate insieme senza che il padrone di casa debba per forza distruggersi per saziare tutti!

Quindi, così ad esempio, qualcuno ha portato da bere, qualcuno (giunto espresso dalla Calabria) il secondo fritto e rifritto che è sempre gradito e una bella insalata arricchita da frutta fresca e secca ed io ho potuto dedicarmi alla tavola, che è sempre un piacere, e ai due antipasti e un primo. 

Poche cose belle da vedere, comode da fare e ottime da mangiare. In una giornata il menù di Capodanno è stato strutturato, spesato, cucinato e mangiato. Si può fare!

Iniziamo da questi cestini, forse un po’ banalotti ma sempre gustosi.

Ingredienti per 4 cestini:

– 1 rotolo di pasta fillo

– 100 gr di ricotta o burro o mascarpone o formaggio tipo Philadelphia

– 200 gr di tonno all’olio d’oliva sgocciolato

– 200 ml di panna fresca da montare

– 1 tuorlo d’uovo

– sale e pepe

Per operare:

– 4 pirottini di alluminio

– fagioli secchi per la cottura della pasta

Come avevamo visto in altre ricette fillose già sappiamo che la pasta va spalmata bene di olio o burro e stratificata. in questo caso dobbiamo ricavare dei quadrati che entrino nei pirottini sbordando leggermente, andrà benissimo il foglio di pasta tagliato in quattro. Spennellate d’olio i pirottini e infilate la pasta spingendola piano bene fino in fondo e regolando i bordi come meglio preferite. La pasta fillo non cresce o si gonfia quindi la forma che gli darete sarà quella che manterrà. Io avevo un rotolo parzialmente usato di pasta quindi ne ho fatti alcuni di due strati e alcuni di tre, fossero stati di quattro sarebbero venuti perfetti: con tre reggono ma con due rimangono molto sottili e difficili da lavorare quindi fatelo corposo questo cestino!

Ora riempiteli di fagioli secchi o palline di porcellana da cottura se siete di quelli super attrezzati e infornate nel forno già caldo a 200° per circa 10/15 minuti, finché non saranno dorati e croccanti. a quel punto sfornate e lasciate raffreddare prima di togliere i fagioli.

Ora prepariamo la crema: nel mixer mettere il tonno sgocciolato, la ricotta o altro formaggio fresco che preferite, sale e pepe (vi consiglio poi di assaggiare in corsa e valutare) e il tuorlo d’uovo.

Se volete rendere la ricetta più saporita in questa fase potreste aggiungere delle acciughe o delle olive nere, dei capperi, dei pomodorini secchi. via libera!

A parte montate la panna ben ferma e accorpatela al composto di tonno in una ciotola mescolando dal basso verso l’alto lentamente per non smontare tutto. Vista la delicatezza della panna anche qui vi consiglio di riassaggiare e in caso regolare di sale e pepe. Ora copritela e lasciatela riposare in frigo per una mezz’oretta.

Quando la mousse sarà bella soda e i cestini oramai freddi riempiteli bene usando una tasca da pasticcere o banalmente un cucchiaio e un cucchiaino con un po’ di delicatezza per non rovinare i cestini.

Guarnite con qualche fogliolina fresca se la avete, io ho usato del timo secco, e servite… mi raccomando non scordate di dotare i commensali di un cucchiaino, stappate le prime bollicine e buon appetito!

Armenia Baghdighian