Home Cultura Cinema

SONG’E NAPULE

songenapule

L’ottava gemma dei Manetti Bros conferma la vitalità della giovane commedia italiana

Ads

Sceneggiatura brillante, ritmo narrativo veloce e frenetico, regia di stampo deliziosamente vintage. I polizieschi anni ’70 tornano a vivere in una Napoli presentata in una veste che rifugge ogni banalità e trova nella scanzonata vitalità del dialetto una genuina forma espressiva. Gli scroscianti applausi ricevuti all’ultima Festa del Cinema di Roma, dove è stato inserito nella sezione “Fuori Concorso”, sono il biglietto da visita che meglio motiva la fiducia da accordare ad una pellicola impreziosita dall’eccellente recitazione di Carlo Buccirosso e Peppe Servillo. I due mastini napoletani mordono la scena, trovandosi pienamente a loro agio in personaggi che esaltano le loro doti attoriali. Tra i vicoli di Partenope si muove un racconto neomelodico, underground e intelligente. Termini buttati a caso? Vedere per credere…

Regia: Marco e Antonio Manetti
Sceneggiatura: Michelangelo La Neve, Giampaolo Morelli, Marco e Antonio Manetti
Interpreti: Alessandro Roja, Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Paolo Sassanelli, Peppe Servillo, Ciro Petrone, Carlo Buccirosso, Franco Ricciardi, Ivan Granatino

(ITA 2013)

Simone Dell’Unto

Previous articleMALEFICENT
Next articleIl mercato piazza San Giovanni di Dio attende da anni una riqualificazione