Home Cultura Teatro

Nella solitudine dei campi di cotone

Un dealer, venditore, e un compratore si incontrano poco prima di notte al crepuscolo. Il dealer non ha bisogno di vendere, il compratore non ha bisogno di comprare, non ci sono necessità che giustifichino niente, eppure si incontrano. Casualità? Premeditazione? I due si legano, subito, indissolubilmente, in modo deciso ma sconnesso, si agganciano in un discorso che è tutto e niente allo stesso momento. Il dealer propone, nel deserto assoluto della scena e del mondo, le sue materie, il compratore indaga, chiede, verifica, pensa, prova, osa. Nella solitudine i due si trovano, per combatterla, insieme, mentre combattono l’un l’altro, si minacciano, instaurano un gioco dei paradossi in cui sono entrambi buoni ed entrambi cattivi allo stesso momento.

La solitudine dei campi di cotone è uno spettacolo scritto da uno dei più grandi drammaturghi europei del secolo scorso, Bernard-Marie Koltes, e messo in scena l’anno successivo da Patrice Chèreau. In Italia è stato inscenato per la prima volta nel 1992 e ora, dal 17 al 29 maggio al Teatro India, diretto da Andrea De Rosa e interpretato da Lino Musella e Federica Rossellini. Il regista ha detto: “Ho riletto La solitudine di Koltès durante il primo lockdown. In quei giorni pensavo spesso, a volte in modo ossessivo, ai teatri chiusi: vuoti, bui, freddi, silenziosi. Era un’immagine che allo stesso tempo mi attraeva e mi spaventava, come quando ero bambino e non riuscivo a capacitarmi del fatto che la mia casa continuasse a esistere anche quando al suo interno non c’era più nessuno. Che cos’è una casa quando non c’è più nessuno che la abita? Che cos’è un teatro vuoto? Continua a esistere per chi? Ho immaginato il luogo dove si svolge Nella solitudine dei campi di cotone come un teatro vuoto. Ho immaginato il personaggio del venditore come un’attrice dimenticata su un palcoscenico e il cliente come un uomo che viene da fuori. Ho immaginato che la merce intorno alla quale si conduce la misteriosa trattativa tra i due personaggi sia il teatro stesso”.

Ads

Teatro India

Lungotevere Vittorio Gassman, 1

Info e prenotazioni: Tel. 06 68804601, Email info@teatrodiroma.net

Sito Web: www.teatrodiroma.net/teatroindia.asp

Orari: ore 20.00, domenica ore 19.00

Biglietto: Intero da € 25 a € 40

Marco Etnasi

Previous articleRoma: annunciato il termovalorizzatore per chiudere il ciclo dei rifiuti
Next articleIn Municipio IX si inizia a discutere del termovalorizzatore