Home Notizie Città Metropolitana

Discarica Monte Carnevale: presentati tre ricorsi al Tar del Lazio

I cittadini della Valle Galeria allarmati per i gli interventi in corsi all’interno delle aree, richieste verifiche alla Polizia Locale

SHARE

MONTE CARNEVALE – Nessun segno di ripensamento da parte del Campidoglio sull’indicazione della cava di Monte Carnevale come nuova discarica di servizio della Capitale. Così contro questa decisione che coinvolge ancora una volta un sito in piana Valle Galeria, a meno di due chilometri da Malagrotta, i comitati dei cittadini con i legali dell’Associazione Raggio Verde, hanno depositato al Tar del Lazio ben tre ricorsi. Tra questi, a quanto si apprende, ce ne sarebbe addirittura uno che chiede direttamente l’annullamento della Delibera capitolina del 31 dicembre scorso, dove veniva indicato il sito di Monte Carnevale.

Posted by Nerella Cascili on Friday, February 28, 2020

I RICORSI AL TAR

Oltre a questo documento, i cittadini intendono impugnare anche l’ordinanza della Regione Lazio del 27 novembre scorso, dove il Governatore Zingaretti chiede alla Sindaca Raggi di indicare il luogo per realizzare la discarica; il testo di inizio gennaio in cui si bloccano gli effetti dell’ordinanza regionale, acquisendo di fatto l’indicazione di Monte Carnevale; e infine le autorizzazioni per Monte Carnevale alla realizzazione di una discarica per inerti. “Abbiamo impugnato sette diversi provvedimenti con tre ricorsi – ha spiegato all’Agenzia Dire l’avvocato di Raggio Verde, Alessandro Di Matteo – Dall’ordinanza di Zingaretti fino al provvedimento della Raggi che designava Monte Carnevale, perché quando ci siamo interessati della discarica questa nasceva come impianto di smaltimento degli inerti e da subito dicemmo che si trattava di un cavallo di Troia perché i codici che volevano approvare erano talmente tanti che non c’erano solo gli inerti ma anche i fanghi. La valutazione di impatto ambientale concessa era, appunto, un cavallo di Troia che in futuro avrebbe permesso di fare altro e purtroppo ci avevamo visto bene perché quel sito è stato designato dalla collaborazione Zingaretti-Raggi”. Inoltre secondo il legale cui si sono rivolti i cittadini, sarebbero state totalmente eluse “le normative a tutela dell’ambiente che hanno realizzato un mostro, quella discarica ha grandissime possibilità di inquinare l’ambiente. È stata fatta in un posto totalmente inidoneo. Oltre alle determine della Regione Lazio e del Comune di Roma, abbiamo impugnato la conclusione della conferenza dei servizi e il progetto sulla base del quale è stata approvata l’autorizzazione”.

Posted by Fabio Sernicola on Friday, February 28, 2020

GLI INTERVENTI SULL’AREA

Intanto già dalla giornata di ieri i cittadini della Valle Galeria hanno postato sui social network una serie di immagini e video che rappresentano dei lavori all’interno dell’area di Monte Carnevale. Interventi partiti prima ancora che la società presenti il progetto in Regione. Così nella giornata di oggi sono partite delle richieste, da parte dell’ex assessore all’Ambiente del Municipio XI, Giacomo Giujusa, alle autorità di Polizia per effettuare dei controlli. Questo perché “il progetto di variante per discarica di rifiuti urbani non pericolosi non risulta però ancora presentato e le relative conferenze dei servizi non sono state ancora attivate in Regione Lazio”. Per questo sono state chieste verifiche sulla regolarità delle attività in corso e che, si legge nella nota, “ogni violazione venga portata all’attenzione della Procura di Roma”.

Leonardo Mancini