Home Notizie Cronaca Roma

La Sindaca dal Prefetto sui rifiuti: “Chiesta la vigilanza anche dell’Esercito”

All'ordine del giorno anche la chiusura dei due TMB di Malagrotta, la Sindaca: “Ci sono approfondimenti in corso”

SHARE
Malagrotta 135

ROMA – Ancora un vertice sui rifiuti. Nella giornata di oggi la Sindaca Raggi ha incontrato il prefetto di Roma, Paola Basilone in merito alla paventata chiusura delle linee di trattamento meccanico biologico di Malagrotta. Lo stop all’impianto di proprietà del Colari dovrebbe durare tre mesi (a partire dal 25 aprile prossimo) per effettuare interventi di manutenzione straordinaria. Se questa situazione si concretizzasse, nonostante sia in arrivo la firma di un nuovo accordo per l’utilizzo dell’impianto (il precedente contratto scadrà il 3 aprile prossimo), il rischio che i rifiuti rimangano in strada sarebbe piuttosto alto. Il tutto in un periodo, quello a cavallo tra Pasqua, il 25 aprile e il 1 maggio, dove da sempre si registra un picco nella produzione dei rifiuti.

L’INCONTRO – Mentre si cerca di far fronte a queste nuove criticità, non dimenticando che a maggio il sito per la trasferenza dei rifiuti di Ponte Malnome non sarà più utilizzabile, si cerca di correre ai ripari per evitare che nuovi ‘incidenti’ possano funestare ulteriormente il delicato sistema del ritiro dei rifiuti nella Capitale. Dopo i roghi che hanno colpito prima il Salario e poi Rocca Cencia, l’idea dell’amministrazione 5 Stelle, espressa dopo l’incontro in prefettura, sarebbe quella di impiegare uomini dell’Esercito per il pattugliamento attorno ai siti di trattamento dei rifiuti: “Per la sicurezza di questi siti ho chiesto al ministro dell’Ambiente, della Difesa, dell’Interno, dell’Economia e al Prefetto un rafforzamento della vigilanza anche tramite l’esercito. Non vorremmo che questi incidenti fossero ricorrenti”, ha spiegato la Sindaca. Che sulla chiusura dei due TMB di Malagrotta ha poi aggiunto: “C’è la massima collaborazione con il prefetto per quanto riguarda la situazione dei Tmb. Ci sono approfondimenti in corso”.

LeMa