Home Notizie Cronaca Roma

Roma, rifiuti: stop alle ferie per i tecnici AMA fino al 9 gennaio

L’Ordine di servizio della municipalizzata punta alla reperibilità h24 per oltre 390 tecnici, necessari per evitare disagi nella raccolta dei rifiuti durante il periodo delle Feste

ROMA – Ferie congelate fino al 9 gennaio per i tecnici coordinatori sul campo. Si tratta di circa 390 dipendenti di AMA (capi zona, responsabili aree, impianti, officine, capi autorimesse, preposti, ecc.), che dovranno anche essere operativi e reperibili h24 (compresi i giorni festivi). È la stessa azienda in una nota a comunicare quanto disposto con il nuovo Ordine di servizio emanato in queste ore che blocca permessi e ferie per i tecnici che compongono la parte intermedia di coordinamento del blocco operativo e segue a stretto giro l’Ordine di servizio che aveva già “congelato” le ferie di dirigenti e “quadri” fino al termine del piano di pulizia.

 

IL CONTROLLO SUI RIFIUTI

 

Ads

Lo scopo è infatti quello di dare piena operatività al piano straordinario di pulizia della città richiesto dal Sindaco Gualtieri, oltre a cercare di limitare il più possibile i disagi derivanti dalle criticità nella raccolta dei rifiuti, soprattutto durante il periodo delle Festività Natalizie. “Oltre agli interventi programmati – spiegano dalla municipalizzata – il personale operativo monitora costantemente la situazione per organizzare, ove necessario, interventi supplementari di rimozione dei rifiuti che talvolta, purtroppo, vengono depositati a terra anche in presenza di cassonetti già svuotati. Sia i prelievi meccanizzati sia la pulizia manuale vengono assicurati a ciclo continuo”.

 

SUPERARE LA CRISI E IL NATALE

 

La speranza è che si riesca a far rientrare (perlomeno provvisoriamente) la crisi nella raccolta scoppiata in queste ultime settimane: “Sono in corso su tutto il territorio cittadino le attività di recupero del surplus determinato dalla nota carenza, strutturale e contingente, di sbocchi agli impianti di trattamento dei rifiuti – concludono dall’AMA – d’intesa con Roma Capitale e con gli altri Enti locali, sono state trovate da questa settimana capienze di destino supplementari e, attraverso la progressiva regolarizzazione dei flussi a valle, si punta a ridare ordine anche alle attività di raccolta a monte nei diversi quadranti della città”.

 

Red

Previous articleEssere attraenti nel mondo del lavoro conta (purtroppo) molto, lo rivela l’indagine Cvapp
Next articleCovid-19: nel Lazio sono 1.283 i nuovi casi, il rapporto con i tamponi è al 2,5%