Home Cultura

Carla Accardi: spazio, ritmo e colore

SHARE

Presso il Museo Carlo Bilotti all’Aranciera di Villa Borghese di Roma è in esposizione, fino al 27 febbraio, una mostra per rendere omaggio alla grande pittrice Carla Accardi.

Siciliana di nascita (Trapani, 1924), ma romana di adozione fin dal secondo dopoguerra, la mostra antologica dà una lettura inedita dei lavori meno noti della Accardi per riflettere sull’esemplarità e la coerenza di sessant’anni di lavoro.

Questa artista ha contribuito dal 1945 all’affermazione dell’astrattismo in Italia. Avendo scelto il non-figurativo, nel 1954 crea dei lavori “autorigenerativi”, in cui dei segni bianchi si collocano su fondi neri, al fine di creare un “antinomia spaziale”. Nel 1996 la pittrice viene nominata membro dell’Accademia di Brera e nel 1997, fa parte della Commissione per la Biennale di Venezia, nel ruolo di consigliere.
L’esposizione presenta lavori storici e recenti messi a confronto per far emergere la continuità che caratterizza la ricerca di Carla Accardi, seppur nella varietà operativa e linguistica che ne ha segnato lo sviluppo, dal 1947 (data della sua adesione al gruppo Forma) ad oggi.
L’allestimento mette in particolare rilievo l’elemento ambientale, sottolineato dalla presenza di un Pavimento in feltro creato apposta per l’occasione e collocato al pian terreno del museo, da alcuni Lenzuoli e lavori luminosi e sonori mai presentati a Roma, da un gruppo di Ceramiche poste lungo la scala di accesso al piano superiore dell’Aranciera. Qui viene esposta una selezione di lavori inediti su carta, diversi per tecnica e data, disposti secondo un andamento non tradizionale, volto a sottolineare temi ed elementi ricorrenti nell’alfabeto pittorico dell’artista, e in dialogo con la scrittura architettonica che li ospita.

La mostra “Carla Accardi. Spazio, ritmo e colore” è a cura di Pier Paolo Pancotto ed è promossa da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali, in collaborazione con RAM radioartemobile e Studio Accardi. Organizzazione Zètema Progetto Cultura, catalogo edito da Gli Ori.

Arianna Adamo