Home Cultura

‘IL CAMMINO DELL’UOMO’

SHARE

Al Caffè Letterario fino al 30 settembre la mostra fotografica di Sandro Spina

Fino al 30 settembre saranno esposti al Caffè Letterario (via Ostiense 95) 60 scatti che vanno a comporre la mostra fotografica di Sandro Spina denominata “il cammino dell’ uomo”.

La rassegna approda a Roma dopo i successi ottenuti ai Magazzini del Sale di Siena ed al castello di Clervaux in Lussemburgo nel 2007 e resterà nella capitale a lungo visto che, dal 29 novembre, verrà riproposta all’ Auditorium Parco della Musica nell’ ambito del 5° Concorso Cortometraggi “Frame Contest 2009”.

L’ evento è stato possibile grazie all’ attento contributo dell’ Assessore alle Politiche Culturali del Municipio Roma XI Carla Di Veroli e del Presidente Andrea Catarci. L’ allestimento è stato realizzato da Luisa Mariani per l’ associazione culturale IGEA.

Sandro Spina ha un curriculum di alto profilo nel quale vanta collaborazioni come aiuto regista in svariati film nazionali, con Alberto Sordi, ed internazionali, tra cui il colossal Ben Hur. Inoltre fin da giovane ha pubblicato articoli e foto sulle più importanti testate giornalistiche italiane.

L’ idea della mostra fotografica nasce da un film – documentario di 56 ore realizzato dall’ autore in numerosi paesi nel mondo e trasmesso da Rai due. Proprio dalle pellicole del film sono stati selezionati i 60 scatti allestiti al Caffè Letterario.

Spina riesce, nelle sue foto, a mettere a confronto la quotidianità di mondi diametralmente opposti per cultura ed abitudini facendone fuoriuscire le differenze. Inoltre la mostra , come sottolineato dal titolo, vuole percorrere un ‘cammino’ che delinei quelle che sono le tappe fondamentali della vita umana: la nascita, lo studio, il matrimonio, la famiglia, il lavoro, la religione, fino all’ umanamente inevitabile morte. Quello di cui siamo certi è che questi scatti rimarranno, loro sì immortali. Uno spaccato di vita reale tra volti di donne scavati dal tempo, baci, feste popolari, sorrisi di bambini e tanto altro.

Simone Brengola