Home Cultura Libri

L’invenzione della madre

SHARE
libri 124 - linvenzione della madre

Non esiste una scienza degli addii

Non esiste una scienza degli addii e, nelle cose del mondo, l’essere e il tempo fanno una gran confusione. Accade per una madre molto malata e suo figlio. Questa è una storia di attesa, l’anticipazione quotidiana di una fine celebrata nei gesti, nelle parole, con le azioni più ordinarie, ispezionando la figura di una donna – che si consuma – e l’ambiente circostante con cura e preoccupazione costante: unico solo instabile conforto per Mattia. Quello che sta fuori è improvvisamente disordine e contorno, sottofondo immobile: la provincia, la videoteca, la fidanzata, il padre, la casa, i medici, l’ospedale. Strategie e invenzioni sono incerte esercitazioni per conservare il ricordo. Cosa accade di tutta quella vita che muta quando scopre i mutamenti? Le cose si trasformano semplicemente o finiscono? Tutto nel romanzo di Peano è amore, dall’inizio. Violento, grottesco, dolce, atomico. La sua scrittura è effrazione, vuole arrivare dove Mattia non riesce ancora: poesia, forma, precognizione. Di una libertà appassionata, effettiva, necessaria e carica di angoscia. Quando – dopo l’alluvione – il presente sarà liberato e le ombre si stabiliranno nella stanza vuota, la gioventù incosciente sarà andata via per sempre. Sarà un salto vertiginoso nell’aperto più spaventevole, nessuno che aspetta l’atterraggio.

Marco Peano
minimum fax 2015
pagine 252
euro 14

Ilaria Campodonico